TwitterFacebookGoogle+

Fmi: Cina, a rischio 1.300 miliardi di prestiti a imprese

Washington – Le aziende cinesi sono troppo indebitate e “i prestiti bancari potenzialmente a rischio in Cina ammontano a quasi 1.300 miliardi di dollari”. Lo stima il Fondo monetario internazionale nel Global Financia Stability Report. Questi prestiti a rischio delle imprese che non sono in grado di generare profitti sufficienti a coprire il debito, potrebbero tradursi “in potenziali perdite per le banche pari al 7% del Pil”, avverte Jose’ Vinals, consigliere finanziario del Fondo Monetario Internazionale. “Questo numero puo’ sembrare elevato ma e’ gestibile”, spiega Vinals, grazie alle riserve finanziarie delle banche e del governo. “Altrettanto importante – aggiunge l’economista di Washington – e’ che le autorita’ cinesi sono consapevoli di queste vulnerabilita’ e stanno mettendo in piedi misure per gestire l’eccesso di debito delle aziende”. Con la frenata dell’economia cinese e un sistema finanziario sempre piu’ orientato al mercato, la percentuale di debito a rischio delle aziende cinesi quotate e’ salita al 14% del totale, stima il Gfst, oltre il triplo rispetto al livello del 2010. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.