TwitterFacebookGoogle+

Fmi, Eurozona perderà lo 0,2% di Pil nel 2017

Washington – La Brexit costera 0,2 punti percentuali di Pil all’Eurozona. E’ quanto prevede il Fondo Monetario Internazionale, che ha tagliato le stime sulla crescita dell’area nel 2017 dall’1,6% all’1,4% “principalmente per l’impatto negativo del risultato del referendum nel Regno Unito” che si concretizzera’ “in una probabile maggior debolezza della fiducia degli investitori, dovuta a un’incertezza piu’ elevata, a una maggiore volatilita’ finanziaria e una minore domanda di importazioni in Gran Bretagna”.

Moody’s rivede al ribasso la crescita dell’Italia, solo +0,9%

Cameron propone nuovo commissario Gb alla Ue

L’eurozona, avvertono da Washington, si trova pero’ in uno scenario di crescita “mediocre” a prescindere dalle problematiche legate alla Brexit, come dimostrano “gli alti livelli di indebitamento” e “gli elevati tassi di disoccupazione, in particolare tra i giovani”. “Se questa avversione al rischio si prolunghera’, crediamo che l’impatto sulla crescita possa essere maggiore ma in questo momento e’ molto difficile stimare quanto durera’ questo periodo”, ha spiegato il direttore aggiunto del dipartimento europeo del Fmi, Mahmood Pradhan, in teleconferenza. (AGI)

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.