La Piovra cattolica

PAPA FRANCESCO È "PERICOLOSO"?

Di lui si dicono solo cose positive, e senza dubbio é una personalità spiccata e molto attuale, dotato di molte qualità comunicative, di grande convinzione e ottima cultura religiosa teologica e politica.

Averne di tipi così! Ciò che lo rende suo malgrado "pericoloso" è che egli è un sovrano assoluto, l'unico e l'ultimo in Europa. Non ha un governo che si riunisce avendolo come presidente, non può essere messo in minoranza, non ha bisogno di voti di fiducia, non incontra  contrasti espliciti, insomma è la personificazione dell'assolutismo politico pre-rivoluzione francese: sotto questo profilo un relitto storico.

Però in una fase nella quale la democrazia si restringe e messaggi autoritari e decisionisti

8×1000, un Italicum a misura di Chiesa

Luca Kocci -

I testimonial non sono attori e sono scelti con cura: c’è la suora missionaria in una baraccopoli di Addis Abeba, la comunità Progetto Sud di don Giacomo Panizza a Lamezia Terme più volte presa di mira dalle ‘ndrine, gli interventi di solidarietà internazionale della Caritas e la Consulta antiusura.

Ma la nuova campagna pubblicitaria per l’8×1000 alla Chiesa cattolica – lanciata a metà aprile – racconta solo un quarto della verità. Precisamente il 23%, perché a tanto ammonta la percentuale che lo scorso anno

8×1000. La caccia al tesoro si fa con i Cud

“il manifesto” 22 aprile 2014 -
Luca Kocci -

Nella corsa ad accaparrarsi una fetta di 8×1000 in più c’è anche la “caccia al Cud”: giovani e giovanissimi lanciati all’inseguimento dei pensionati e di coloro che sono esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei redditi per convincerli a compilare comunque la scheda per la scelta della destinazione dell’8×1000: con il sistema della ripartizione proporzionale delle quote non espresse, una firma in più vale molto, anche se si tratta di un pensionato al minimo.

Comunione Liberazione S.p.a.

PUBBLICATO IL 10 APRILE 2014 DA Oscar Nicodemo
Uno degli apparati parapolitici più oscenamente noti della nazione è rappresentato senza dubbio da 'Comunione e Liberazione', il movimento che si professa missionario e che dichiara di perseguire la finalità di 'portare ad ogni uomo la persona viva di Gesù'.

In verità, però, i volontari (leggasi associati) al suo interno hanno avuto ben presto a dimostrare una matrice politica inequivocabile, schierandosi a fianco della Democrazia Cristiana, vista ancora come un partito cattolico. Nel maggio del 1975 nacque il Movimento Popolare ad opera di Roberto Formigoni ed altri illuminati interpreti

8 per mille, la Chiesa cattolica miracolata dallo Stato

Bagnasco tesorodi Maria Mantello -

Promemoria: tutto comincia col Concordato

L'11 febbraio 1929, Benito Mussolini per il Regno d’Italia e il cardinale Pietro Gasparri, per la Santa Sede, firmavano i "Patti Lateranensi" (Legge 27 maggio 1929, n. 810). Ed era il Concordato con cui lo Stato fascista creava una strutturale interferenza vaticana nella sovranità statale, liquidando anche il processo di laicizzazione che con l’Unità d’Italia si era realizzato.

Il Concordato veniva giustificato col ritornello della “questione romana” finalmente sanata. Una colpevole amnesia storica cercava di far ignorare che dopo la breccia di Porta Pia, che ricongiungeva Roma capitale all’Italia e decretava la caduta del papa re, lo Stato liberale la propria su quella “questione” l’aveva già fatta con la legge