TwitterFacebookGoogle+

Fornaro, ecco perché boccio questo accordo generico

Roma – “Il testo dell’accordo sulle modifiche all’Italicum è assolutamente generico e soprattutto elaborato fuori tempo massimo. E’ talmente generico che non specifica, ad esempio, se i collegi siano uninominali maggioritari (candidato di coalizione) oppure siano uninominali proporzionali (candidato di partito). Il premio di maggioranza non è chiarito se sia alla lista oppure alla coalizione (che ha ottenuto più voti oppure più seggi nei collegi uninominali?) e soprattutto, pensando alla sentenza 1/2014 della Corte Costituzionale, non è quantificato il numero di seggi del premio stesso (50/100/150 seggi?)”. Lo scrive Federico Fornaro della minoranza dem. “Un documento utile, forse per la propaganda, ma assolutamente inefficace per il referendum del 4 dicembre: in quella data gli elettori voteranno con vigente l’Italicum con tutte le sue criticità sistemiche.Un testo, comunque, lontano anni luce da un articolato di un disegno di legge e per questo privo di valore parlamentare”, sottolinea Fornaro. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.