TwitterFacebookGoogle+

fortnite playstation xbox one borse di studio

Siete imbattibili in Fortnite? Allora ci sono buone notizie: l’Ashland University in Ohio ha stanziato delle borse di studio per i più smanettoni. Quella che a una prima occhiata sembrerebbe un’autorizzazione con tanto di titolo accademico per giocare, in realtà è considerata un’attività molto seria. L’Ashland è una delle decine di scuole in tutto il Paese che organizzano questo tipo di gare, e già a inizio anno aveva annunciato la partecipazione a gare inter-collegiali di League Of Legends e Overwatch. A coloro che venivano selezionati per il campionato, l’università offriva 4.000 dollari in borse di studio. Ma per Fortnite è la prima volta.

“Piace sia all’utenza hardcore che a quella casual”, ha dichiarato il coach Josh Buchanan. “Siamo davvero felici di mettere questo programma a disposizione dei giocatori che vogliono dare prova della loro abilità in un contesto competitivo. L’impianto di gioco di Fortnite stimola i giocatori ad essere creativi, innovare e dare prova del livello di padronanza delle proprie abilità”.

Fortnite è un videogioco online di sopravvivenza cooperativo sandbox sviluppato dalla Epic Games e People Can Fly. Il gioco è stato pubblicato in anteprima per IOS, Microsoft Windows, macOS, PlayStation 4 e Xbox One il 25 luglio 2017 ma è diventato completamente gratis solo quest’anno. E secondo le stime, nel suo primo mese di vita sul web ha incassato più di 25 milioni dollari. Secondo le previsioni della compagnia, quando il titolo approderà anche su Android, si potrebbe arrivare a una cifra di 500 milioni di dollari l’anno. È ambientato in una Terra post-apocalittica, dove l’improvvisa apparizione di una tempesta mondiale ha fatto scomparire il 98% della popolazione, in parte sostituita da pericolose creature simili a zombie. La battaglia reale è ambientata in un’isola dove 100 giocatori lottano per la sopravvivenza. In questa modalità si può giocare in una squadra di 3 o 4 persone, in coppia o da soli contro tutti. Ci si lancia da un bus volante per atterrare sull’isola nella zona che più si preferisce dove si inizia fin da subito a combattere, dopo una corsa agli armamenti.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.