TwitterFacebookGoogle+

Fra i due litiganti Berlusconi gode

“La sinistra rinchiusa in un antro a discutere se il calendario va tenuto diritto oppure a rovescio, la destra schizofrenica che in una mano brandisce la clava di Salvini e nell’altra il portafogli (ormai vuoto) di nonno Silvio, il terzo polo che governa Roma come se fosse una iattura”. Così su Reppubblica, Michele Serra avanza nella sua rubrica ‘L’amaca’ la sua ipotesi “perfettamente confacente alla surrealtà italiana”: l’eventualità che Berlusconi dopo aver annunciato di ricandidarsi possa addirittura ambire a rivincere le elezioni. L’analisi è legata soprattutto ai travagli del Pd e del M5S. Il Partito democratico sembra avviato verso una scissione mentre quello di Grillo sta vivendo momenti durissimi (e non solo di immagine) a Roma con i guai della giunta Raggi che sembrano coinvolgere anche i vertici del movimento.

Pd: Orfini, la scissione non va né evocata né agitata 

In un’intervista a Repubblica, il presidente del Pd, Matteo Orfini, interviene sull’ipotesi di scissione che ieri Bersani aveva dichiarato già avvenuta nei fatti. “Penso che la scissione vada bandita dal nostro vocabolario – dice Orfini -. Non va evocata, né agitata. Tutti amiamo il Pd. Magari non siamo d’accordo sulle ricette, ma senza questo partito il Paese è più debole”. Poi chiude al rinvio del congresso come chiesto dalla minoranza dem: “La sinistra interna si metta l’anima in pace, il congresso del Pd si terrà ‘prima delle amministrative'”. Quindi, sull’ipotesi di andare incontro alle richieste di decelerare sul congresso, Orfini ricorda che “a dicembre ho lavorato per evitare il congresso, come chiedeva la sinistra. Dopo hanno reclamato un momento di contendibilità, in caso di elezioni anticipate, ed ho proposto la strada delle primarie. Poi non andavano più bene neanche quelle – aggiunge – perché senza il congresso minacciavano la scissione: perfetto. E adesso è il congresso, prima richiesto, che porterebbe alla scissione. Tutto questo dimostra solo che abbiamo un gran bisogno di discutere”.

M5S: Di Maio, su Marra nessun giornalista ha verificato 

La situazione della sindaca di Roma sta diventando sempre più difficile da gestire per il M5S. E coinvolge direttamente anche i vertici del partito. Ieri Luigi Di Maio su Facebook ha duramente attaccato la stampa e oggi, in un’intervista al Fatto, torna a chiarire i suoi rapporti con la Raggi e con Raffaele Marra e critica pesantemente i media: “Un giornalista ha scritto addirittura che definivo Marra ‘uno dei miei’, un falso – dice Di Maio – Chiederò bei risarcimenti. Nessun giornalista mi ha chiamato per verificare” . Sulla questione romana che sta scuotendo il M5S, su La Stampa interviene in un’intervista l’ex assessore Paola Muraro che accusa: “La sindaca non è fragile, inadeguata e senza personalità, come i dissennati comunicatori del Movimento la fanno apparire. Ho assistito a telefonate con i vertici in cui troncava la conversazione dicendo: ‘La sindaca sono io'”, dice la Muraro che poi aggiunge: “Fino a Natale era solo Virginia. C’era forte sintonia. Poi il suo commissariamento s’è compiuto. Mi pare provata. Se potessi le direi: sii te stessa, slegati. I romani hanno votato te, non Casaleggio”..   

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.