TwitterFacebookGoogle+

Francesco ricorda Paolo VI “Papa della modernità”, “Dio non è un padrone”

Papa Francesco all’Angelus ha chiesto un applauso per Paolo VI a 40 anni dalla sua morte, avvenuta la sera del 6 agosto 1978. “Lo ricordiamo con tanta venerazione e gratitudine, in attesa della sua canonizzazione, il 14 ottobre prossimo”, ha detto il Pontefice. “Dal cielo interceda per la Chiesa che tanto ha amato e per la pace nel mondo. A questo grande Papa della modernità lo salutiamo con un applauso tutti”. Il Papa è anche tornato a mettere in guardia i fedeli dalla “tentazione comune di ridurre la religione alla pratica delle leggi, proiettando sul nostro rapporto con Dio l’immagine del rapporto tra i servi e il loro padrone: i servi devono eseguire i compiti che il padrone ha assegnato, per avere la sua benevolenza”. Gesù, ha sottolineato Francesco, è “il pane della vita” capace di “saziare la nostra fame di verità, di giustizia, di amore”.

 

 

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.