TwitterFacebookGoogle+

Francia: attacco jihadista a Lione, esplosione in fabbrica. Decapitato un uomo

(AGI) – Parigi, 26 giu. – Terrore e orrore in Francia dove un attentato terroristico ha provocato la morte di una persona (decapitata) e il ferimento di altre due. E’ accaduto stamane nel complesso industriale dell’Isere, alle porte di Lione, in un impianto di gas industriale Air Products a Saint-Quentin-Fallavier. Secondo una sommaria ricostruzione, un uomo a bordo di un’auto ha fatto irruzione nell’impianto, schiantandosi contro le bombole di gas e provocando un’esplosione. Poco dopo, all’interno del complesso industriale, e’ stato ritrovato un corpo decapitato. La testa, invece, e’ stata ritrovata a diverse decine di metri, infilzata ina ringhiera e ricoperta di iscrizioni in arabo. Le forze di sicurezza hanno fermato un uomo di circa trent’anni, gia’ conosciuto dalle forze dell’ordine, che al momento si trova sotto interrogatorio.

“Il sospetto si chiama Yassine Sali”, conosciuto dai servizi antiterrorismo, senza precedenti penali ma gia’ noto per estremismo, ha annunciato il ministro dell’Interno francese, Bernard Cazeneuve. L’uomo e’ residente nella zona di Lione. Non e’ ancora chiaro se il terrorista ha agito da solo. L’aggressore si sarebbe qualificato come un uomo dell’Isis, mostrando drappi islamisti. I dipendenti dell’impianto, sotto choc, sono stati trasferiti in una palestra in un comune vicino. Il presidente francese, Francois Hollande, ha confermato che l’attentato e’ di natura “terroristica” e che l’uomo arrestato e’ stato identificato. Hollande ha comunque convocato per le 15 all’Eliseo il Consiglio di Difesa. “Non abbiamo dubbi che volessero far saltare l’intero complesso industriale”, ha detto il presidente francese incontrando la stampa poco prima di lasciare Bruxelles per tornare a Parigi.

“Non bisogna cedere alla paura”, ha detto Hollande, “l’emotivita’ non puo’ essere la sola risposta”. Confermata la natura terroristica dell’attentato, Hollande ha evocato la possibilita’ della presenza di una seconda persona oltre all’attentatore, che e’ stato gia’ “fermato e identificato”: “A bordo dell’auto c’era una persona, forse accompagnata da un’altra”, ha detto. Hollande ha anche confermato che e’ stato trovato un corpo decapitato con iscrizioni sopra e che e’ stata rafforzata la protezione a tutti i siti Seveso, quelli cioe’ a rischio perche’ contengono sostanze pericolose (la fabbrica teatro dell’attacco, Air Products, dove sono impiegate 400 persone, e’ peraltro indicata nella direttiva Seveso europea com a rischio basso, ndr) Hollande, ha riferito un ufficiale, ha visto le prime immagini dell’attentato, insieme al cancelliere Angela Merkel, “visibilmente sotto choc”. .

Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.