TwitterFacebookGoogle+

Francia, scontri al corteo contro Jobs Act. Valls a Cgt "stop manifestazioni"

Parigi – Il premier francese, Manuel Valls, ribadisce che “non cambiera’” la contestata legge di riforma del mercato de lavoro e denuncia l'”ambiguita’” della Cgt alla quale comunque lancia l’appello a non organizzare piu’ grandi manifestazioni a Parigi. “Il governo – dice Vals – non cambiera’ il testo che e’ gia’ il risultato di un compromesso con i sindacati riformisti da diversi mesi”. Ieri 1,3 milioni di manifestanti, secondo i sindacati, 125 mila persone per le autorita’ di polizia, sono sfilati a Parigi per protestare contro la riforma in discussione a Senato. Almeno 19 tra poliziotti e manifestanti sono rimasti feriti, dopo una serie di scontri di piazza. “Queste manifestazioni – dice Valls – non possono ripetersi. Mi appello alla responsabilita’ di un sindacato, la Cgt, che ieri e’ stato sopraffatto”. Valls stigmatizza le violenze e gli episodi di guerriglia urbana che hanno caratterizzato la manifestazione di ieri e accusa il servizio d’ordine della Cgt di un “comportamento ambiguo” e di “non assumersi piu’ le sue responsabilita’”. “Chiedo alla CGT – dice il premier di non organizzare piu’ questo tipo di manifestazioni a Parigi. Sapete che non possiamo pronunciarci per un divieto generale ma noi intendiamo prenderci le nostre responsablita’”. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.