TwitterFacebookGoogle+

Furci Siculo. Padre Giò Tavilla, i debiti dell’Oasi S. Antonio e le costose rette per anziani, Dipendenti non pagati da 8 mesi e un canone di 20.000 € al mese

20140119104103 http://www.gazzettajonica.it/news/2014/01/…arrivano/14635/

Furci, intervista video a padre Giò: giovani, chiesa e Oasi S.Antonio (20 mila € al mese che spesso non arrivano)

Furci Siculo – La chiesa, i giovani, l’Azione Cattolica, l’Oasi S.Antonio (di cui è proprietaria la Parrocchia ) sono stati i temi trattati da mons. Giò Tavilla nel corso di una articolata intervista. Padre Giò ha parlato dei giovani che si avvicinano alla chiesa, ha parlato degli anziani, dei poveri e dello loro difficoltà, centrando sulla casa di riposo Oasi S.Antonio, che paga per l’affitto della struttura 20 mila euro al mese ( e sembra che non sia sempre puntuale nei pagamenti, pur assistendo decine di anziani). A noi, al giornale, sono arrivate delle proteste (che non abbiamo pubblicato e che abbiamo cestinato perché anonime) di dipendenti che non percepirebbero da qualche mese lo stipendio. Ma questo con la chiesa non ha niente a che vedere. Ecco l’intervista.

domenica 19 gennaio 2014
Intervista a Padre Giò Tavilla

Caro padre gio’ non sarebbe ora di sistemare la facciata della chiesa??? Prima che qualche pezzo di …cada in testa a qualche bambino!!! Con 20.000 mila euro a voglia!! O forse la chiesa non ha i soldi??

Filippo – 21/01/2014 alle 09:35:07
Chi troppo vuole nulla avra’,bravo Padre Gio’ lei reclama i suoi 20 mila euro e adesso qualcuno comincia a reclamare gli otto mesi di stipendio arretrato.La miccia e stata accesa se qualcuno e inteligente la bomba non scoppia se no muore sansone con tutti i filistei.

rosita –

http://www.gazzettajonica.it/news/2014/01/…adre-gio/14667/

Sull’Oasi S.Antonio di Furci una protesta generale. Tante email ricevute e una lettera a padre Giò

Da Roccalumera riceviamo:

“Caro DIRETTORE, ho ascoltato con “molta” attenzione l’intervista fatta a PADRE GIO’ TAVILLA e dall’intervista si evince un certo imbarazzo sul discorso”COOPERATIVA COMUNITA’ E SERVIZIO”.Io non ho capito se “non pagano, o “sono in ritardo “con i pagamenti. Faccio presente al buon parroco GIO’ (che ringrazio su questo sito ,essendo stato lontano dalla CHIESA non avendo piu’ fiducia, e che grazie a LUI mi sono avvicinato),che essendo “prigioniero di “un contratto”, penso pure che chi non si paga, ci puo’ essere anche la “disdetta”frl contratto per morosità,ovvero la struttura ritorna ai “poveri” della RIVIERA, che non si possono permettere un “ricovero” degno della persona, perche’ RICORDO AL BUON PARROCO, che PADRE DONSI’, lo aveva donato ai “poveri “anziani” (soprattutto ai furci),che non si potevano permettere delle prestazioni con una misera e modesta pensione. Non voglio essere io a dire a PADRE GIO’,quanto ci vuole al mese per ogni anziano’ “ricoverato” NELLA STRUTTURA”DEI POVERI”; quanto gli viene a costare al mese. Sicuramente una persona di FURCI che ha lavorato una vita e che prende una pensione di 700 o 800 euro al mese non puo’ permetterselo. Io voglio ricordare a PADRE GIO’ che QUELLA STRUTTURA VOLUTA DA PADRE DONSI’ ERA DESTINATA A UNA PARTE DEI POVERI DI FURCI,E a una parte che non si poteva permettere un ricovero decente. Ora io voglio ricordare (come ben sa PADRE GIO’) che quella struttura è costata un sacco di soldi; ricordo a padre GIO’ che dove c’è la statua di PADRE PIO è STATO MIO PADRE a “cominciare” la piazzetta, (A TITOLO GRATUITO) e nell’ultimo anno e mezzo, (sempre a titolo gratuito,certo con la promessa che poi “lassu’” lui doveva fare il giardiniere) stava con gli anziani “uomini”……mentre le donne DOVE LAVORAVA MIA MADRE (dove adesso c’e Radio Empire) non hanno preso la “buonuscita” (e se non ricordo male hanno partecipato con 100 mila lire a testa) per portare avanti i lavori, per poi “trasferirsi” li’ sopra. Io ripeto ho fiducia in PADRE GIO’, ho fatto una battaglia, io caro DIRETTORE,”SOGNO” DI VEDERE QUELLA STRUTURA IN MANO AI “POVERI”, A QUELLI CHE NON SI POSSONO PERMETTERE UN PASTO, ALLE PERSONE SOLE, AI DEGENTI, in pratica per quello che era stato creato. Voglio dire a padre GIO’ che anche io contribuiro’, con un modesto contributo, perche’FURCI è il mio PAESE. PAPA FRANCESCO ha dato un suggerimento ai propri “parroci”…..”Siate PASTORI in mezzo al vostro gregge”…………Ecco PADRE, IL GREGGE SOGNA CHE LA STRUTTURA RITORNI IN MANO ALLA SUA GENTE, AI POVERI. PER QUESTO è STATO CREATO, NON PER FARNE UNA “FABBRICA “PER FARE SOLDI ” SOLO PER POCHI “FORTUNATI”.Io la sua intervista me la sono visto per 3 volte, la vedo e l’ascolto “imbarazzato” e dica tutto, come effettivamente stanno le cose, faccia luce su questo caso che sta MORTIFICANDO tutto il popolo di Furci ed i furcesi residenti in America, che per tantissimi anni hanno pagato tanti soldi, mettendo MATTONE su MATTONE ed ora non beneficiano di niente. Se DIO vorrà, Lei faccia in modo che L’Oasi S.Antonio ritorni a chi ci ha buttato”sangue”. CON IMMENSA STIMA E IMMENSA FIDUCIA”

SUO SANTI METAURO.

Da S.Teresa di Riva riceviamo:

“Gentile Direttore ha visto l’intervista fatta a padre Giò Tavilla ed il fatto dell’Oasi di S.Antonio – la casa albergo per anziani – mi ha colpito, perché ho saputo che alcune dipendenti non verrebbero pagate ogni mese, mentre adesso ho saputo che il gestore dell’Oasi per delle spese sostenute vorrebbe dimezzare il mensile alla Chiesa. Tutti sanno quanti anziani ci sono mensilmente all’Oasi e quanto paga ogni famiglia per tenere il proprio congiunto in questa struttura. Facendo due conti si capisce subito quanto si potrebbe incassare e quanto si spenderebbe (non ho detto quanto si potrebbe guadagnare), Però se chi ha in gestione la struttura la vuole ridare indietro, la vuole ritornare alla Chiesa, si facciano i conteggi e quantifichi la richiesta. Ma chi gestisce l’Oasi la vuole veramente lasciare la struttura oppure sarebbe tutto un bluff ?”

Nino Trimarchi

Abbiano ricevuto sull’argomento parecchie email, firmate con pseudonimi, con le iniziali o anonime. E sono state tutte cestinate. Pubblichiamo queste due perchè regolarmente firmate.

La Direzione

martedì 21 gennaio 2014

Fonte

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.