TwitterFacebookGoogle+

Gb, giro di vite sui lavoratori stranieri

Londra – Il ministro dell’Interno britannico, Amber Rudd, ha annunciato che il governo intende chiedere alle imprese di rivelare il numero dei dipendenti stranieri per favorire l’assunzione di sudditi di Sua Maestà. “Non chiamatemi razzista” per questo ha detto Rudd che intende “stanare” quelle societa’ che abusano delle regole esistenti e “spingerle a comportarsi meglio”. I primi a criticare l’idea sono stati gli imprenditori mentre, riferisce la Bbc, almeno un deputato conservatore – Rudd e’ intervenuta oggi alla conferenza del partito in corso a Birmingham – ha definito la proposta del ministro come “controversa”.

Rudd, nominato all’Interno al posto del premier Theresa May a luglio, ha spiegato che i freni extra ai lavoratori e agli studenti stranieri potrebbero essere necessari “per cambiare la tendenza” dell’opinione pubblica sull’immigrazione alla luce del voto sulla Brexit (il referendum del 23 giugno sull’uscita dall’Ue). Il ministro ha accusato le aziende di “sfuggire” alle loro responsabilita’ non addestrando un numero sufficienti di lavoratori britannici e ha aggiunto che andrebbe irrigidito l’attuale sistema che obbliga le societa’ a pubblicizzare i posti disponibili nel Regno Unito solo per 28 giorni prima di rivolgersi fuori dal Paese”.

Intanto la May ha anche chiarito la sua strategia per la Brexit. Il famigerato “cherry picking” (prendere solo il meglio o buttare il resto) dall’Unione Eruopea – che Angela Merkel aveva chiarito non sarebbe stato consentito a Londra – e’ invece quello cui punta il numero uno di Downing Street. Il premier conservatore ha annunciato che vuole un accordo con Bruxelles che le offra la “massima libertà” per operare all’interno del mercato unico ma intende anche avere il controllo esclusivo sulle sue frontiere e, soprattuto, “tenere fuori la Corte di Giustizia” europea, vista da Londra come un nemico con le sue regole. “Voglio dare alle compagnie britanniche la massima liberta’ per operare all’interno del mercato unico e consentire alle societa’ europee a fare lo stesso qui” ha detto May alla conferenza del partito Conservatore a Birmingham. Nei giorni scorsi Londra si e’ destata dal torpore post Brexit on le minacce del numero uno di Nissan-Renault, Carlo Ghosn, di sospendere gli investimenti nel Regno Unito se le vetture prodotte nel Paese saranno costrette a pagare un dazio per essere vendute nel resto d’Europa. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.