TwitterFacebookGoogle+

Gb: parlamento discute disegno legge su suicidio assistito

(AGI) – Londra, 11 set. – Dopo mesi di critiche e di feroci prese di posizione da parte soprattutto della Chiesa anglicana, il disegno di legge sul suicidio assistito, detto anche ‘dolce morte’, e’ arrivato al parlamento di Westminster. I deputati britannici stanno infatti discutendo oggi una legge tutta britannica, con caratteristiche che la distinguono da norme simili di altri Paesi. Innanzi tutto, secondo il disegno di legge, potranno accedervi solo quelle persone alle quali sono stati diagnosticati meno di sei mesi di vita. Ancora, i pazienti dovranno essere in grado di assumere la dose di sostanze letali volontariamente e con le proprie forze, nessuno potra’ aiutarli. E il tutto dovra’ essere autorizzato da due giudici dell’Alta corte del Regno Unito, che esamineranno caso per caso. Il primo ministro conservatore, David Cameron, si era detto contrario alla legge gia’ nelle settimane scorse e piu’ volte sui proponenti sono arrivati gli strali della Chiesa anglicana e dell’arcivescovo di Canterbury, Justin Welby, massima autorita’ dopo la regina. Al momento chi aiuta un paziente a morire e’ punibile secondo la legge britannica con fino a un massimo di 14 anni di carcere. Il disegno di legge, se approvato, sara’ tuttavia sottoposto a numerosi altri step, come ulteriori letture ai Comuni e alla Camera dei Lord. .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.