TwitterFacebookGoogle+

Gentiloni su Isis, capacità finanziamento ridotta del 40%

Roma – “L’attivita’ mirata di contrasto sin qui realizzata ha comportato una drastica riduzione della capacita’ di finanziamento di Daesh: in particolare, secondo stime recenti, la capacita’ di offrire salario ai combattenti si sarebbe ridotta del 40%”. Lo ha affermato il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, concludendo i lavori del convegno su “Le rotte dei traffici illeciti in Europa e nel Mediterraneo” promosso da Priorita’ Cultura e Iai a Palazzo Giustiniani. “Quest’ultimo rappresenta un elemento di crisi nella strategia di Daesh molto significativo – ha sottolineato Gentiloni – e di grande interesse per l’intelligence, visto che potrebbe costituire un incentivo al ritorno dei foreign fighters nei rispettivi Paesi di origine, con tutti i rischi connessi”. Nel 2015, ha ricordato il ministro, “il bilancio di Daesh era di circa 1,3 miliardi di dollari, frutto in primo luogo dei depositi bancari dei territori occupati e poi del contrabbando di petrolio, del traffico di opere d’arte e del riciclaggio. Il naturale assottigliarsi dei depositi bancari e il contrasto alle altre forme di finanziamento sta dando risultati importanti”. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.