TwitterFacebookGoogle+

Germania, 410 profughi sospettati di terrorismo; 60 indagati

Berlino – Il governo tedesco di Angela Merkel, fautrice della politica delle “porte aperte” nel 2015 che porto’ quasi un milione di profughi nel Paese, si difende dalle accuse di aver lasciato entrare persone pericolose. Il ministro dell’Interno Thomas de Maziere, dopo l’ultimo attentato di ieri ad Ansbach, opera di un profugo siriano sul punto di essere espulso in Bulgaria, ha condannato il clima “di sospetto generale” calato sui rifugiati “nonostante singoli casi isolati sotto inchiesta”, ha dichiarato in un’intervista

Intanto si aèpprende che il numero di profughi sospettati di possibili legami con il terrorismo ammonta 410. E’ quanto riferisce la Bild citando i dati dalla Bka (la polizia federale criminale),sottolineando che si tratta di un significativo aumento rispetto ai 369 casi registrati a maggio. Di questi solo su 60 la polizia ha aperto un’indagine. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.