TwitterFacebookGoogle+

Germania, esplosioni in due impianti chimici

Berlino – Dispersi e diversi feriti in due esplosioni avvenute in altrettanti impianti chimici del gigante tedesco Basf, che si trovano in due città distanti tra di loro circa 30 chilometri, Lampertheim e Ludwigshafen nell’ovest del Paese. La Basf ha chiesto alla popolazione vicina a Ludwigshafen, che si trova un’ottantina di chilometri a sud-ovest di Francoforte, “di evitare gli spazi aperti e di lasciare chiuse porte e finestre delle abitazioni”. L’esplosione, avvenuta nel porto nord dove l’impianto lavora gas e petrolio, ha sprigionato una densa nube di fumo e sul posto sono giunte diverse squadre dei vigili del fuoco. Il colosso chimico tedesco ha parlato di dispersi e di diversi feriti.

 

Huge fires and explosions at the #BASF in Ludwigshafen, Germany. About 2 miles from my home – keep your windows closed!! pic.twitter.com/bD6Qv9hYhk

— Michi Leber (@MichiLeber) 17 ottobre 2016

 

Nell’altro incidente non ci sarebbero emissioni di agenti chimici pericolosi nell’aria. Nell’impianto di additivi per materie plastiche di Lampertheim, per cause non ancora stabilite, è esploso un filtro. Basf ha riferito di quattro dipendenti feriti, subito trasportati in ospedale, ma di cui al momento non si conoscono le condizioni. Tutte le attività nei centri industriali coinvolti sono state sospese.

(AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.