TwitterFacebookGoogle+

Gesù: i conti con la storia non tornano, svelato l’inganno dopo 2000 anni

Gesù Che GuevaraE’ uscito il libro Gesù il Che Guevara dell’anno zero su macrolibrarsi. Si svela l’identità del personaggio su cui è stato costruito il più grande mito ed icona di questo pianeta con un inganno a dir poco sbalorditivo. Di questo personaggio sappiamo solamente il battesimo a 30 anni il ministero di tre anni ed il processo con Pilato, tutto falso, vediamo perché.

Il vangelo di Luca ci dice: 3,1-20:
1 Nell’anno quindicesimo dell’impero di Tiberio Cesare, mentre Ponzio Pilato era governatore della Giudea, Erode tetrarca della Galilea, e Filippo, suo fratello, tetrarca dell’Iturea e della Traconìtide, e Lisània tetrarca dell’Abilene, 2sotto i sommi sacerdoti Anna e Caifa, la parola di Dio venne su Giovanni, figlio di Zaccaria,

nel deserto. 3Egli percorse tutta la regione del Giordano, predicando un battesimo di conversione per il perdono dei peccati, 4com’è scritto nel libro degli oracoli del profeta Isaia

Il 15 anno di Tiberio corrisponde alla seconda meta dell’anno 28 d.C., dopo qualche mese Gesù viene battezzato da Giovanni e siamo nel 29 d.C. e dopo il battesimo a Gesù. Giovanni viene imprigionato ed ucciso da Antipa per aver criticato la sua unione con Erodiade moglie di suo fratello Filippo tetrarca. Che Erodiade è la moglie di Filippo è confermato dai vangeli più antichi di Marco e Matteo, oltre che da G. Flavio in guerra giudaica russo antico. Sempre in quest’ultimo testo si cita il motivo del viaggio a Roma di Antipa per richiedere la regalità a Tiberio, ovvero voleva unirsi ad Erodiade per unire i due regni e farsi dichiarare re. Quando Antipa torna da Roma Giovanni Battista critica l’unione con Erodiade e viene ucciso per questo, intanto dopo la sua cattura Gesù inizia tre anni di ministero che finirà con la cattura, processo e morte con Ponzio Pilato nell’Aprile del 33 d.C. Ma nel 34 Giovanni Battista era ancora vivo, infatti il tetrarca Filippo muore nel 20 anno del regno di Tiberio, come ci dice lo storico G. Flavio in Antichita Giudaica: Libro XVIII:106 – 6. Ora fu in questo tempo che morì Filippo, fratello di Erode, nel ventesimo anno di Tiberio, dopo avere governato per trentasette anni , e la tribù detta dei Batanei. Il ventesimo anno di Tiberio è infatti il 34 d.C. e sappiamo che Giovanni Battista era ancora vivo da questo passo di guerra giudaica: “Filippo, essendo al potere, ebbe un sogno in cui un’aquila gli aveva strappato entrambi gli occhi. Egli riunì tutti i suoi saggi. Mentre tutti spiegavano il sogno in maniera diversa, venne a lui, improvvisamente e senza essere chiamato, quell’uomo di cui abbiamo parlato in precedenza, che camminava vestito di pelli d’animali e purificava il popolo nelle acque del Giordano. Ed egli disse “Ascolta la parola del Signore. In questo sogno che hai avuto, l’aquila è la tua venalità, poiché quest’uccello è violento e rapace e quest’uccello ti strapperà gli occhi, che sono la tua provincia e la tua donna”. E quando ebbe così parlato Filippo morì prima di sera ed il suo dominio fu dato ad Agrippa”.
Questo passo è fortunatamente sfuggito dalle pie mani censorie della chiesa, e dopo la morte di Filippo si parla del motivo del viaggio di Antipa a Roma: “Erode si recò da Tiberio per pregarlo di dar lustro alla sua autorità conferendogli il titolo regale” (Guerra Giudaica in russo antico II 9, 6).

Tornato da Roma Giovanni critica l’unione di Antipa con Erodiade e siamo nel 35 d.C., è ora di fare due conti con la presunta storicità di Gesù.
Se Giovanni viene arrestato ed ucciso nel 35 d.C. subito dopo aver battezzato Gesù, i vangeli mentono sul presunto battesimo nel 15 anno di Tiberio di Gesù da parte di Giovanni ed anche sui suoi tre anni di ministero e morte del 33 d.C., difatti come faceva Giovanni nel 35 a dire ai suoi discepoli di andare da Gesù e chiedergli se è lui il messia che stanno aspettando dal momento che era morto nel 33 d.C.? Risulta falso anche il processo con Pilato di Gesù, in quanto tre anni di ministero dopo la morte del Battista del 35, collocano tale processo e morte nel 38 d.C., ma nel 36 Pilato fu mandato a Roma e sostituito dal procuratore Marcello, per aver compiuto la strage dei samaritani.
A questo punto di Gesù non rimane traccia, scomparso dalla storia dopo 2000 anni, ma queste sono solo una piccolissima parte delle prove del libro Gesù il Che Guevara dell’anno zero, dove sveliamo la vera identità di Gesù e la vera storia della cattura e processo con Pilato del rivoluzionario su cui fu costruito.
 

Alessandro De Angelis Scrittore e ricercatore antropologo

VAI AL VIDEO: https://www.youtube.com/watch?list=UUFXJULGNpQ3QTENC1n3mwFg&v=yWEZiY1KdQI

http://www.macrolibrarsi.it/libri/__gesu-il-che-guevara-dell-anno-zero-libro.php?wishlist#

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.