TwitterFacebookGoogle+

GIADA INCONTRA I SERVIZI SOCIALI: “FINALMENTE QUALCOSA SI MUOVE”

downloadPortocannone. È durato poco più di un’ora l’incontro di iri mattina tra Giada, accompagnata dalla madre Rina e da Francesco Zanardi della Rete dell’ABUSO, con il personale dei Servizi sociali del comune di Portocannone. L’appuntamento, voluto fortemente dalla ragazza e dalla sua famiglia, aveva lo scopo di avviare una serie procedure al fine di intraprendere un percorso di assistenza economica e sociale per Giada.

Dopo gli insulti, le aggressioni verbali e le denunce, l’incontro con i servizi sociali del Comune di Portocannone. A ricevere Giada sua madre Rina e il rappresentante della Rete dell’Abuso presso la sede municipale è stata la dottoressa Gabriella Florio responsabile dei servizi sociali. In circa un’ora di confronto si è cercato di stabilire un piano di interventi a favore non solo della ragazza ma anche della mamma, vedova e con difficoltà economiche.

Un incontro dagli esiti positivi stando a quanto dichiarato da Zanardi all’uscita dal Comun: «Alcune richieste hanno avuto una realizzazione immediata e mi riferisco, ad esempio ai generi di sostentamento di base, mentre per altre, come un’integrazione socio-lavorativa, si deve attendere il parere del sindaco». La Rete L’ABUSO ha comunque formalizzato «una serie di richieste e di interventi previsti tra le altre cose dalla Legge Regionale del Molise», conclude Zanardi.

Molto soddisfatta Giada la quale sorridendo, finalmente, ringrazia tutti coloro che le sono stati vicino in questi mesi così difficili. «Sono contenta perché sembra che grazie anche all’impegno di Francesco qualcosa si stia muovendo. Questo mi aiuta ad attenuare le mie paure in quanto prima io e la mamma ci sentivamo sole ed abbandonate. Mi auguro che per quanto possibile le autorità preposte mantengano gli impegni presi. Ringrazio il mio avvocato Sergio Cavaliere che mi sta vicino e mi sostiene».

Un pensiero e un ringraziamento finale Giada lo concede a Monsignor Gianfranco De Luca: «Apprezzo anche quello che il vescovo De Luca sta facendo per chiarire pubblicamente le cose. Mi auguro che presto la situazione torni alla normalità».

Alessandro Corroppoli

http://www.primonumero.it/attualita/news/1393941686_portocannone-giada-incontra-i-servizi-sociali-finalmente-qualcosa-si-muove.html

Fonte

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.