TwitterFacebookGoogle+

Giallo a Mosca, ricercatrice italiana trovata morta in dormitorio università

Mosca – Tragedia a Mosca. Una giovane ricercatrice veneta, Giorgia Bernardele, 25 anni, è stata trovata morta ieri nella sua stanza al dormitorio dell’Università statale per gli studi umanistici (RGGU). Come apprende Agi dall’ambasciata italiana a Mosca, a rinvenire il corpo è stata la polizia russa che, dietro segnalazione, ha sfondato la porta della stanza chiusa a chiave. La nostra sede diplomatica fa sapere che “il consolato è in stretto contatto sia con i genitori della ragazza, attesi a breve a Mosca, che con le autorità russe, le quali stanno accertando le cause del decesso, che sembrano essere naturali”. Giorgia Bernardele era residente a Sarcedo, in provincia di Vicenza, ma studiava a Padova. Si trovava in Russia per motivi di studio. Su Facebook, gli amici e colleghi russi della ricercatrice, già da ieri sera, hanno iniziato a diffondere la triste notizia e a scrivere messaggi di condoglianze.

“E’ successo l’impossibile – ha scritto Aleksandra Arkhipova, che insegna alla RGGU – E’ morta la nostra meravigliosa Giorgia Bernardele. Brillante, interessante, di talento. Dicono sia morta nel sonno. Non so altro, ma mentre scrivo accora non ci credo”. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.