TwitterFacebookGoogle+

Giappone, strage al centro disabili. "Escluso terrorismo jihadista"

Tokyo – Strage in una residenza per persone disabili vicino Tokyo, ma il governo nipponico esclude che alcun collegamento con il terrorismo jihadista. Un uomo ha ucciso 19 persone e ne ha ferite 25, aggredendole con un coltello in una struttura di accoglienza nella localita’ di Sagamihara, alle porte di Tokyo. Il folle autore del gesto si e’ consegnato alla polizia. L’uomo, Satoshi Uematsu, 26 anni e che aveva lavorato nel centro, si e’ recato in piena notte, alle 03:00 ora locali, in un commissariato di polizia.

“Voglio che le persone disabili scompaiano dal mondo”, avrebbe detto agli agenti che lo hanno preso in consegna. Secondo i media nipponici, Uematsu aveva in una borsa almeno tre coltelli o lame affilate, alcune delle quali ancora insanguinate. L’aggressore, che aveva lavorato nel centro tra il dicembre 2012 fino allo scorso 19 febbraio, si e’ introdotto nell’edificio intorno alle 02:10 ora locale, dopo aver infranto una finestra del primo piano dell’edificio. Tra le vittime, tra i 18 e i 70 anni, nove donne e 10 uomini. Il governo ha assicurato che non esiste alcun collegamento con il terrorismo jihadista: “Per ora non abbiamo informazioni che colleghi l’uomo sospettato con un alcun gruppo islamista”, ha assicurato il portavoce del governo. Il premier, Shinzo Abe, ha assicurato che si fara’ di tutto per “accertare la verita’ su questo crimine” e che il governo “fara’ ogni sforzo in questo senso”. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.