TwitterFacebookGoogle+

Giornata della memoria: Papa, "Auschwitz invoca futuro di rispetto e di pace"

(AGI) – CdV, 27 gen. – Settant’anni fa la liberazione del campo di concenramento di Auschwitz da parte dell’Armata rossa. Oggi si celebra in tutto il mondo il giorno della memoria. Messaggi e cerimonie di commemorazione per le vittime della Shoah si susseguono e anche il ppa fa sentire la sua voce. “Auschwitz grida il dolore di una sofferenza immane e invoca un futuro di rispetto, pace e incontro tra popoli”. Cosi’ Papa Francesco in un tweet, sull’account Pontifex. “L’antisemitismo e’ ancora vivo… e 70 anni dopo l’Olocausto ci sono (oggi) in Europa comunita’ ebraiche che si sentono ancor minacciate”. Questo il motivo, secondo il capo della diplomazia Ue, Federica Mogherini, per ribadire con forza la necessita’ di ricordare sempre, non solo come obbligo morale, il massacro di 6 milioni di ebrei nella giornata della memoria, prendendo spunto dalla strage al supermercato kosher di Vincennes (Parigi) del 9 gennaio scorso.

RENZI: LEZIONE DI STORIA GUIDI OGNI NOSTRO GIORNO

“Per questo oggi, piu’ che mai, non e’ abbastanza dire ‘mai piu’ ‘. Dobbiamo mutare queste parole in azione… istruendo le generazioni nate dopo l’Olocausto sui quei terribili eventi accaduti in Europa ed educarli a prendere posizione contro l’antisemitismo e contro ogni forma di discriminazione”. Il ministro degli esteri italiano, Paolo Gentiloni, spiega che “l’Italia e’ in prima fila contro l’antisemitismo e contro tutte le intolleranze religiose”.

Il responsabile della Farnesina sottolinea che “la Giornata della Memoria e’ un appuntamento importante e sentito da tutti gli italiani. Episodi di antisemitismo continuano a manifestarsi nel mondo e ci pongono di fronte a nuove sfide. Oltre ad una condanna univoca e netta degli atti antisemiti e della loro matrice ideologica, sono convinto – aggiunge – che serva proseguire una battaglia culturale contro tutte le intolleranze per favorire il rispetto delle identita’ religiose”. A conferma dell’importanza che l’Italia attribuisce alla giornata internazionale per il ricordo delle vittime della Shoah, il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ricorda che “legge del 2000 che istituisce nel nostro Paese la Giornata della Memoria ha preceduto di cinque anni la decisione dell’Assemblea Generale ONU di proclamare il 27 gennaio quale Giornata del ricordo delle vittime dell’Olocausto”.

“L’Italia – aggiunge il ministro – ha sostenuto la sessione che l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha dedicato all’antisemitismo per la prima volta il 22 gennaio scorso e nel quadro del Semestre di Presidenza dell’UE ha promosso il ‘Simposio Europeo sull’Educazione alla Shoah’, con l’obiettivo di creare una rete europea di esperti per scambiare esperienze sulla promozione della memoria dell’Olocausto in Europa”.

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.