TwitterFacebookGoogle+

Giovani neri nel mirino degli agenti statunitensi 9 volte piu' di altri

Roma- Un giovane afroamericano ha nove volte piu’ probabilita’ di essere ucciso da un agente di polizia rispetto a un cittadino statunitense di qualsiasi altra etnia. E non importa se negli Usa la popolazione nera e’ appena il 2% del totale: i maschi afroamericani di eta’ compresa tra i 15 e i 34 anni rappresentano il 15% dei casi di omicidio per mano di agenti della polizia avvenuti nel 2015 ancora sul tavolo degli degli investigatori. Un numero cinque volte piu’ alto di quello dei loro coetanei bianchi.

L’impressionante statistica emerge da uno studio messo a punto dal Guardian e basato sulle informazioni rilasciate dall’Fbi. In totale lo scorso anno gli agenti di polizia statunitensi hanno ucciso 1.134 persone, tra cui 300 afroamericani di ogni eta’. In particolare la percentuale di vittime nere del 2015 e’ il doppio rispetto alla media di bianchi, ispanici e nativi americani. Non solo: il 25% degli afroamericani uccisi era disarmato contro il 17% dei bianchi.

Dai dati sulla mortalita’ negli Stati Uniti emerge, inoltre, che un decesso su 65 di giovani afroamericani e’ stato causato dagli spari della polizia.

Secondo lo studio sono i poliziotti californiani quelli dal grilletto piu’ facile con 210 omicidi nel 2015, seguiti da quelli texani con 110. Piu’ pacifici gli agenti newyorchesi che hanno aperto il fuoco fatalmente ‘solo’ 25 volte. Il North Dakota vanta invece il primato con un solo incidente. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.