TwitterFacebookGoogle+

Giubileo, papa Francesco: “perdono per chi si pente dell’aborto”

Per il giubileo, il papa con una lettera a monsignor Rino Fisichella, presidente del Pontificio consiglio per la nuova evangelizzazione, annuncia la concessione a tutti i sacerdoti (compresi i lefebvriani) della capacità di garantire il perdono del peccato di aborto a chi lo confesserà, sinceramente pentito. Un gesto considerato di apertura, ma che sembra volto a colpevolizzare in particolare donne, richiedendo loro un atto di formale sottomissione alla Chiesa. Infatti la solerte sala stampa vaticana ci ha tenuto a precisare che tale perdono non si traduce in una “attenuazione del senso di gravità del peccato”.

Nel messaggio papale anche un accenno di vicinanza ai detenuti, nel quale si afferma che “il giubileo ha sempre costituito l’opportunità di una grande amnistia, destinata a coinvolgere tante persone che, pur meritevoli di pena, hanno tuttavia preso coscienza dell’ingiustizia compiuta e desiderano sinceramente inserirsi di nuovo nella società”. In realtà, l’amnistia storicamente veniva proclamata dal papa-re nei secoli scorsi, che così esercitava la sua autorità temporale, come gesto di clemenza in particolare verso reati politici o religiosi (istituiti proprio dall’imposizione della legge teocratica). Anche in questo caso, dopo l’inevitabile dibattito politico sulla questione, è intervenuta la sala stampa per precisare che l’accenno “non è un appello di carattere giuridico”. “Se volesse chiedere l’amnistia”, ha specificato padre Federico Lombardi, “lo farebbe con altre modalità”.

Giubileo: appello del Papa, amnistia e assoluzione per l’aborto – Cronaca

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.