TwitterFacebookGoogle+

Gli alieni responsabili dell’evoluzione umana con l’ibridazione genetica? No la vera causa fu la gnocca: le prove antropologiche

13883732_10208227712464616_1910414190_nNegli ultimi tempi, dopo le bufale massoniche degli alieni nella Bibbia, si sta portando avanti un’altra bufala: l’uomo si è evoluto grazie ad interventi di ibridazione genetica sul DNA da parte di alieni. Cerchiamo quindi di vedere i veri motivi antropologici che portarono all’evoluzione milioni di anni fa si formò la grande fossa tettonica della Rift Valley, creatasi dalla separazione delle placche tettoniche africana e araba, che iniziò 35 milioni di anni fa, e dalla separazione dell’Africa dell’est dal resto dell’Africa, processo iniziato da 15 milioni di anni.

Qui sono stati ritrovati i resti fossili di un antichissimo ominide primitivo, cui fu dato il nome di Lucy, uno scheletro quasi completo di australopiteco, che fu scoperto dall’antropologo Donald Johanson. Gli abbondanti sedimenti della valle, provenienti dalla rapida erosione degli altopiani circostanti, crearono un ambiente favorevole alla preservazione dei resti umani, qui sono infatti state trovate numerose ossa di ominidi antenati della moderna specie umana, compresi i resti di due antenati ominidi: una scimmia antropomorfa risalente a 10 milioni di anni fa e chiamata Chororapithecus abyssinicus, trovata nel triangolo di Afar, nell’Etiopia orientale, e il nakalipithecus nakayamai, risalente anch’esso a 10 milioni di anni fa.

La formazione della Rify Valley bloccò i monsoni provenienti da est, facendo sì che la foresta pluviale si trasformò in savana. Questa trasformazione ebbe grosse influenze evolutive sugli ominidi che vivevano nella foresta, sugli alberi, dove potevano trovare riparo dal calore del sole e dagli attacchi dei predatori. Camminare a quattro zampe sulla savana voleva dire esporre il corpo ai raggi del sole, con conseguente perdita di energie dovute alla sudorazione per cercare di abbassare la temperatura corporea. La perdita di energia corporea, sotto forma di calore, voleva dire aver bisogno di più cibo e questo diede l’input all’uomo per erigersi su due arti, affinché diminuisse la superficie del corpo esposta al sole.

Ma un altro grande problema era rappresentato dalle donne in stato di gestazione, che erano inevitabilmente lente nei movimenti a causa del pancione, e quindi facili prede dei predatori come i felini, quando andavano a cercare cibo. Rimanevano quindi al riparo tra gli arbusti e…, favorivano i rapporti sessuali con quegli uomini che più abili di altri ad erigersi su due arti, liberavano gli arti superiori per prendere cibo e portarlo alle donne in gestazione. Sembra una barzelletta, ma fu l’istinto alla sopravvivenza della specie che fece della donna una “prostituta” per necessità, mentre l’uomo, sopraffatto cerebralmente dal testosterone, rischiava la vita per la gnocca. Altra considerazione antropologica è legata alle forme della donna; sapete perché agli uomini piacciono di più le donne formose? Il motivo è semplice, le donne con il bacino largo e con un seno grande avevano più possibilità di portare a termine con successo il parto, in quanto il bacino ampio era più spazioso per accogliere il neonato nel grembo e un seno più grande era sinonimo di aver più latte per sfamare il neonato dopo la sua nascita. Ma ovviamente ora l’antropologia è obsoleta, le logge massoniche sioniste hanno deciso che sono stati gli alieni a creare l’uomo attraverso l’ibridazione del DNA e visto che i mass media sono al loro servizio poco conta che sono derisi dal mondo accademico, il popolo, si sa, a forza di sentirsi ripetere sempre la stessa bufala sarebbe in grado di credere che anche babbo natale e la befana esistono e che sono alieni buoni che portano doni ai bimbi.

africa

Alessandro De Angelis scrittore ricercatore di antropologia delle religioni

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.