TwitterFacebookGoogle+

Gli arbitri della verità

DI DANIELE SCALEA –
facebook.com –

Facebook ha annunciato che alcuni siti di fact-checking decideranno al posto vostro cosa sia vero e cosa falso. Bontà loro, potrete ancora leggere le presunte false notizie, solo etichettate con una lettera scarlatta, e potrete persino condividerle dopo che Facebook vi avrà più volte invitato a ripensarci. E Facebook limiterà la visibilità delle notizie “sospette”, ad esempio estromettendole dal programma annunci a pagamento.

Se pensate che questi siti si limitino a sbugiardare le leggende metropolitane e le notizie inventate di sana pianta, allora non li avete mai visitati. Fatevi un giro e noterete quanto lo scrutinio di dichiarazioni politiche sia al vertice del loro impegno (e quanto il modo in cui lo fanno sia oggetto di controversia sulla loro obiettività e capacità).

Come sempre, la domanda è: chi controlla i controllori? Non cercate una risposta democratica a ciò, tutto sta nell’arbitrio dei vertici di Facebook e delle lobbies politiche che sostengono la svolta censoria.

Sicuramente i siti esterni di fact-checking cui si appoggerà Facebook dovranno aver aderito a una rete internazionale il cui accesso è custodito da Poynter.org.
Un istituto rispettabile. Ma super partes?

Il 9 novembre scorso pubblicava, a firma di Kelly McBride (non una penna occasionale, ma una sua alta dirigente) un commento all’elezione di Donald Trump che cominciava così: “Talvolta il peggio accade”. E continuava, certo sine ira et studio, descrivendo il Presidente-eletto come una persona che “usa gli stranieri quali capri espiatori, marginalizza le donne, invoca la violenza contro le minoranze religiose […] è più bugiardo dei suoi rivali”. E incitava i colleghi giornalisti a perseverare nella lotta.

Questi sono i nuovi custodi della “oggettività” e della “verità”. Ma non dimenticate: la vera minaccia alla democrazia è il fatto che tutti possano votare. “La guerra è pace. La libertà è schiavitù”…

 

Daniele Scalea

Fonte: www.facebook.com/

Link: https://www.facebook.com/places/Cosa-da-fare-a-Roma/115353315143936/

16.12.2016

Gli arbitri della verità

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.