TwitterFacebookGoogle+

Gli scandali sessuali di O'Reilly fanno scappare gli inserzionisti da Fox News

Stanno costando caro al canale televisivo statunitense Fox News le accuse di molestie sessuali rivolte a Bill O’Reilly, conduttore di The O’Reilly Factor, il format televisivo di approfondimento politico. Il programma tv ospita uno fra i più alti tassi di spot televisivi della rete: milioni di dollari in investimenti pubblicitari che vanno in fumo dopo che 21 aziende (ma potrebbe essere solo l’inizio) hanno deciso di non legare più il proprio marchio alla tv del magnate Rupert Murdoch.

I marchi che hanno abbandonato Fox News

L’esodo di massa è incominciato ad inizio settimana con la marcia indietro dei big dell’auto Mecerdes-Benz e Hyunday. A seguire Bmw, Lexus, il gruppo chimico Bayer e le compagnie assicurative Allstate ed Ensurance. E sono solo alcuni dei più grandi nomi ad aver abbandonato Fox News: hanno sospeso gli investimenti anche Gold Bond, le aziende di cibo per animali Nutrish e Ainsworth Pet Nutrition, Orkin, Mitsubishi, Wayfair, The Wonderful Company, le società farmaceutiche Sanofi e Glaxo Smith Kline, la camiceria per uomo UNTUCKit, l’azienda di marketing online Constant Contact, l’azienda pubblica di investimenti T. Rowe Price. E poi MileIQCredit KarmaColdwell Banker, True CarOrkinAncestry.com e Society for Human Resources Management.

Fox cerca il dialogo con gli inserzionisti

Decine di altre aziende devono ancora decidere che linea assumere. Fra queste il marchio Chevrolet che ha dichiarato al Daily News di non avere intenzione di rinnovare gli accordi pubblicitari con Fox News dopo la scadenza del trimestre. Fox News ha aperto un tavolo di dialogo con almeno 50 aziende per cercare di rassicurare inserzionisti del calibro di Microsoft, la compagnia finanziaria Capitol One e il servizio video su internet Hulu (che è anche partner della stessa Fox News). “In questo momento le pubblicità di questi clienti sono state riconfermate su altri programmi” ha detto Paul Rittenberg, vice presidente del reparto vendita spazi pubblicitari del canale.

Le accuse di molestie sessuali a O’Reilly 

Il New York Times ha rivelato di recente che Fox News e O’Reilly hanno pagato 13 milioni di dollari per risolvere 5 cause per molestie sessuali contro il conduttore della trasmissione televisiva americana più vista del 2016. Le accuse delle donne vanno dalla violenza verbale alle avances esplicite. O’Reilly ha respinto tutte le accuse e durante l’ultima messa in onda ha evitato ogni riferimento. Nel luglio del 2016 l’amministratore delegato di Fox News, Roger Ailes, si era dimesso per l’accusa di molestie sessuali, aprendo la strada al ritorno di Murdoch

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.