TwitterFacebookGoogle+

Globi d'Oro: stampa estera premia 'Perfetti sconosciuti' e 'Jeeg Robot'

Roma – L’Associazione della Stampa Estera in Italia ha annunciato i vincitori dei Globi d’Oro 2016, i premi dei giornalisti stranieri ai film italiani arrivati alla 56esima edizione e che saranno assegnati questa sera durante la cerimonia di premiazione a Palazzo Farnese. Assegnati anche i due premi speciali: il Gran Premio della Stampa Estera a ‘Fuocoammare’ di Gianfranco Rosi e il Globo d’Oro alla Carriera a Nicoletta Braschi e Roberto Benigni. Nessuna sorpresa per i vincitori della categoria miglior film: miglior commedia ‘Perfetti sconosciuti’ di Paolo Genovese che “fedele alla tradizione italiana, svela vizi e virtu’ del terzo millennio e con un finale amarognolo sa omaggiare degnamente il Maestro Ettore Scola e la sua Terrazza ormai vuota” mentre miglior pellicola in assoluto e’ ‘Lo chiamavano Jeeg Robot’ di Gabriele Mainetti che, secondo i giornalisti della Stampa estera, e’ “un premio doppiamente motivato perche’ confronta per la prima volta il mondo coriaceo della periferia romana con la carica esplosiva della ‘science fiction’ e perche’ si e’ imposto all’attenzione di tutti grazie ad uno straordinario passaparola”.

Meno prevedibile, invece, i premi per i migliori interpreti: miglior attrice Ondina Quadri per ‘Arianna’ (“con delicatezza affronta i dubbi della prima giovinezza, rendendo universale la domanda sul proprio essere”); miglior attore Elio Germano per ‘Alaska’, premio “ad un attore che riesce sempre a superarsi in bravura e intensita’ e a creare personaggi spessi e intensi utilizzando mezzi e aiuti anche non ‘ortodossi'”. Gli altri premi: miglior cortometraggio ‘Tra le dita’ di Cristina K. Casini; miglior documentario ‘If Only I Were That Warrior’ di Valerio Ciriaci; miglior musica Carlo Crivelli per ‘Sangue del mio sangue’; miglior fotografia Fabio Zamarion per ‘La corrispondenza’; miglior opera prima ‘L’Attesa’ di Piero Messina con la seguente motivazione: “Il film e’ poesia pura, con splendide riprese. Vi e’ interiorita’, vi sono silenzi eloquenti, come nell’abbraccio silenzioso della fine che dice piu’ di mille parole”. Premiati poi per la miglior sceneggiatura Ivan Cotroneo e Monica Rametta per ‘Un bacio’ dello stesso Cotroneo. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.