TwitterFacebookGoogle+

Golpisti rischiano pera di morte, governo Turco valuta ripristino

Ankara – Il governo turco valutera’ il ripristino della pena di morte per coloro che, nella notte, hanno tentato il golpe in Turchia. Lo ha detto il vicepresidente del partito al governo Akp, Giustizia e Sviluppo, Mehmet Muezzinoglu. Dopo le sue parole, l’hashtag #damistiyorum (Voglio la pena di morte) e’ entrato tra i top trend su Twitter in Turchia ed e’ stato usato piu’ di 23mila volte. La pena di morte in Turchia non e’ piu’ prevista dal 2004, anche grazie alle pressioni dell’Ue nei negoziati per il processo di adesione.

Intabnto i militari golpisti sono in fuga . Alcuni soldati ribelli turchi sarebbero ancora asserragliati nel quartier generale del comando generale dell’esercito e starebbero cercando di negoziare la loro resa. Lo riferisce l’agenzia di Stato turca Anadolou. Secondo una fonte dell’ufficio del presidenza turca, si tratta dell’ultima base militare di cui i golpisti hanno ancora il controllo. Altri 8 a bordo di un elicottero militare sono atterrati in Grecia e hanno chiesto asilo politico al governo di Atene. Lo ha reso noto la polizia greca. L’elicottero militare e’ atterrato a mezzogiorno all’aeroporto greco di Alexandrupolis. E’ entrato nello spazio aereo greco senza chiedere il permesso e il pilota si e’ giustificato chiamando in causa un guasto meccanismo. Secondo i media ellenici, la polizia greca ha portato l’equipaggio dell’elicottero al commissariato di Alexandrúpolis, non lontano dalla frontiera con la Turchia. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.