TwitterFacebookGoogle+

Governo, Di Maio chiede altro tempo. E i giornali sentenziano: “tutto in alto mare” 

Altro tempo, altri giorni: nemmeno oggi le delegazioni di Lega e M5S sono state in grado di portare al Quirinale un accordo chiuso, e magari anche il nome del prossimo Presidente del Consiglio. Primo a salire nello Studio alla Vetrata del Quirinale, da Sergio Mattarella, il capo politico dei Cinque Stelle, Luigi Di Maio.

Alla fine La Stampa rileva come l’unica novità sia stata proprio la richiesta di qualche giorno in più, e la conferma (lo aveva già annunciato David Casaleggio nei giorni scorsi) che sulla piattaforma Rousseau si procederà con una consultazione referendaria tra gli iscritti. A conti fatti, tra una cosa e l’altra si rischia di arrivare alla prossima settimana.

Queste le parole di Di Maio: “Abbiamo espresso al Presidente l’esigenza di qualche altro giorno per poter concludere definitivamente la discussione dei temi e dare il governo del cambiamento al nostro paese, se parte questo governo parte davvero la terza Repubblica”.

Senza mezzi termini, La Repubblica parla di governo in alto mare, di leghisti e grillini al palo, di un governo ancora di là da venire. E Mattarella continua a nutrire dubbi. Visione dei fatti suffragata dal fatto che lo stesso Luigi Di Maio, nel riferire della richiesta di avere più tempo avanzata al Capo dello stato, si è ben guardato dal riferire la risposta.

Tanto più, nota il Corriere della Sera, che nemmeno l’unico nodo che sembrava essere rimasto insoluto appena ieri sera, vale a dire quello del nome del premier, è stato sciolto.  

D’accordo anche Il Fatto Quotidiano, che dedica alle dichiarazioni di Di Maio l’apertura del sito ed un lungo resoconto. E anche Il Giornale prende atto che quella che doveva essere la sostanza dell’incontro è rimasta fuori della porta dello studio di Mattarella.

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.