TwitterFacebookGoogle+

Grazioli e gli altri, storia minore di palazzi

Roma – Abitazione, ma anche. Ma anche sede della presidenza FI, dettaglio non secondario quando l’elezione di domicilio impatta su vicende giudiziarie. Ma anche luogo di vertici internazionali. Ma anche location di feste finite poi sotto l’occhio delle telecamere in Aule di tribunale. In mezzo, vassoi di pasta e gelato tricolore, parlamentini, scrivanie con bandiere per le interviste tv, vertici notturni, entrate e uscite da ingressi principali, e secondari, fioriere in cemento, finestrini blindati che si abbassano per dichiarazioni ‘slot’ per l’aereo permettendo. Via del Plebiscito (civico 102) e’ sempre la’, ma un buon pezzo dell’immaginario della Seconda Repubblica si avvia a essere traslocato. Palazzo Grazioli, primo piano: per meta’ destinato a uffici della struttura stampa e comunicazione, per l’altra casa e quartier generale di Silvio Berlusconi. Meta per anni di appostamenti quotidiani, quasi h24, di drappelli sempre piu’ nutriti di cronisti. E teatro anche di dissacranti incursioni a colpi di bidoni di letame, o di angoscianti casi di cronaca come quello dell’uomo che tento’ di darsi fuoco proprio li’ davanti, all’alba.

Insomma, raramente si tornava indietro senza qualcosa sul taccuino, anche se a costo di ore di attesa sotto il sole, o la pioggia, o il freddo. Prima, all’epoca della ‘discesa in campo’, c’era stata via dell’Umilta’: un intero palazzetto interamente ristrutturato, con tanto di appartamento privato per ‘il Dottore’, che pero’ risiedeva in via dell’Anima, e ascensore hi-tech a specchi. Poi il trasferimento qualche metro piu’ in la’: piu’ spazio, anche per le auto, e separazione fisica tra abitazione e sede del partito, che si accasera’ giusto dirimpetto, proprio nel Palazzo dove don Sturzo preparo’ il suo Appello ai Liberi e Forti.

E’ la stagione di ‘Grazioli’, che diventa la sede alternativa, se non la principale nella sostanza, al ‘vero’ Palazzo, inteso come Chigi, anche quando Berlusconi torna alla guida del governo. Una lunga stagione di vertici, auto blu, processioni di visitatori alcuni dei quali, per privacy, giurano di andare da qualcun altro (il palazzo era abitato da altri inquilini e vi si trovavano altri uffici) mentre altri dichiarano incontri al vertice quando magari gli interlocutori erano altri. Rigorosamente privo di comfort per gli intrusi della stampa, i cronisti addetti alla marcatura del Cavaliere hanno via via aggiornato la mappa di bar, pizzicherie, pub, biblioteche circonvicine per il loro ristoro. Non senza, va detto, l’aiuto misericordioso del personale di portineria nei casi di patente emergenza. Il tutto con la ricorrente promessa di allestimento di un’apposita sala stampa, proprio come nei palazzi ufficiali del potere. Non se ne fece nulla, ovviamente, e la postazione piu’ in voga e’ rimasta quella offerta dalle fioriere-dissuasori sul marciapiede di fronte. Via del Plebiscito e’ sempre la’ e al loro posto, com’e’ ovvio che sia, restano piazza del Gesu’, Botteghe Oscure, via del Corso, via della Scrofa. Toponimi che per anni hanno rappresentato, per estensione, Dc, Pci, Psi, AN, cioe’ i partiti che li’ avevano sede. Edifici e vie restano, il Palazzo ha imparato da tempo che il suo stradario cambia, eccome, a volte piu’ radicalmente di un Piano Regolatore. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.