TwitterFacebookGoogle+

Grecia: Fmi, nel peggior scenario serve "haircut" da 53 mld

(AGI) – Roma, 2 lug. – La Grecia potrebbe avere bisogno di un’estensione dei prestiti concessi dall’Unione Europea e una decisa svalutazione del debito qualora il Paese cresca piu’ lentamente del previsto e non vengano varate le necessarie riforme economiche. Lo scrive il Fondo Monetario Internazionale nella bozza preliminare del suo rapporto sulla sostenibilita’ del debito greco. Secondo l’istituto di Washington, il debito di Atene “nel peggior scenario possibile” richiederebbe un ‘haircut’ di 53,1 miliardi di euro. “Un avanzo primario piu’ basso e deboli riforme hanno portato a nuovi, sostanziali, necessita’ di finanziamento”, sottolinea il Fondo, “le previsioni sul Pil sono soggette a rischi al ribasso molto considerevoli”. “Servono nuovi finanziamenti europei alla Grecia a condizioni simili e, come minimo, occorre un’estensione significativa delle scadenze dei prestiti europei”, afferma l’istituto, “per assicurare la sostenibilita’ del debito greco, le politiche devono rimettersi in carreggiata” a cominciare dalle privatizzazioni che, alle condizioni attuali, nei prossimi anni non frutterebbero piu’ di 500 milioni di euro. Ma la questione principale, avverte il Fmi, rimane la ristrutturazione: “anche con un avanzo primario del 2,5% e un Pil in crescita dell’1%, ad Atene servirebbe un ‘haircut’ sostanzioso”. .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.