TwitterFacebookGoogle+

Grecia: Ue, "c'e' molto da fare". Tsipras accusa, "Fmi rigido, manca volonta' di accordo"

(AGI) – Atene, 24 giu. – “Non ci siamo ancora, resta molto lavoro da fare” nei negoziati tra la Grecia e i suoi creditori. Il presidente dell’Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, gela l’ottimismo di queste or sull’accordo, dato per imminente, tra Atene e i suoi creditori. Secondo i funzionari Ue, comunque, i negoziati tra la Grecia e i creditori internazionali non si sono interrotti e le trattative proseguono: la riunione dei numero uno delle istituzioni Ue e del Fmi con il premier greco, Alexis Tsipras, e’ ancora in agenda. Le fonti riferiscono anche che i creditori internazionali hanno presentato ad Atene una nuova controproposta per colmare le distanze.

Il primo ministro di Atene ha intanto riferito agli alleati di governo che i creditori internazionali hanno respinto alcune proposte di riforma presentate da Atene per sbloccare gli aiuti necessari ed evitare il default. Lo ha detto un funzionario del governo aggiungendo che Tsipras ha criticato la mancanza di volonta’ di raggiungere un accordo. Tsipras si sarebbe lamentato in particolare della posizione rigida del Fondo monetario internazionale. In particolare i creditori non accettano alcune proposte sul congelamento del debito.

Il premier ha poi scritto su Twitter che “non e’ mai successo prima, ne’ con l’Irlanda ne’ con il Portogallo” che le istituzioni continuassero a respingere le “misure equivalenti” proposte dal governo greco. Alexis Tsipras, a Bruxelles per incontrare i vertici delle istituzioni in vista dell’Eurogruppo di questa sera, denuncia che “la strana posizione sembra indicare che non c’e’ interesse per l’accordo o che vengono difesi interessi specifici”.

Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.