TwitterFacebookGoogle+

Grillo torna nell'Efdd, che prezzo deve pagare a Farage

Roma –  “Fallito l’accordo con il gruppo ALDE, abbiamo rispettato la volontà espressa dalla Rete applicando la seconda scelta più votata dai certificati: rimanere nel gruppo Efdd”. L’annuncio viene dallo stesso Beppe Grillo che lo scrive sul suo blog, spiegano poi “nel primo pomeriggio io e Davide Casaleggio abbiamo avuto una Skype call con Nigel Farage, ex leader della delegazione inglese Ukip e presidente del gruppo Efdd. Abbiamo rinnovato l’accordo, rinunciando alla carica della co-presidenza che fino ad oggi è stata occupata da David Borrelli”. Quindi l’attacco al leader del gruppo ALDE: “Smentiamo le false informazioni che circolano da ieri: le carte fatte circolare non ci appartengono, non abbiamo firmato nessun contratto, si tratta di un elenco di punti comuni e di contrasto (leggi testo dell’accordo). Dopo i risultati della votazione è scoppiato il caso mediatico. Un intero sistema ha tremato. Verhostadt, che oggi si propone come negoziatore per la Brexit dovrebbe solo vergognarsi, perché da meschino si è piegato alle pressioni dell’establishment”.

Una retromarcia obbligata che, come scrive Repubblica.it, non sarà indolore per il M5S che deve cedere la co-presidenza e vedrà ridimensionato il ruolo dei suoi europarlamentari nel gruppo Efdd. In serata a Montecitorio si riuniscono deputati e senatori del M5S per discutere della vicenda. Intercettati dai giornalisti prima di entrare, in molti hanno negato che il MoVimento abbia dovuto pagare un prezzo a Farage e, facendo un discorso di realpolitik, spiegano: “senza di noi il suo gruppo non sta più in piedi: conviene a lui come a noi stare insieme”.

 

Intanto Beppe Grillo sul suo blog riassume in 7 punti le battaglie che M5S porta avanti in Europa e continuerà a farlo con Efdd:

  1. Il MoVimento 5 Stelle critica fortemente il ruolo della moneta unica. La moneta unica deve essere sottoposta a un referendum popolare, affinché i cittadini decidano il rimanere o meno dell’Italia all’interno dell’Eurozona.
  2. Il Movimento 5 Stelle ha combattuto con tutte le sue forze affinché assurdi trattati internazionali come il TTIP, il CETA e il conferimento del MES alla Cina, venissero bocciati. 
  3. Il MoVimento 5 Stelle vuole risolvere il problema dell’immigrazione. Vogliamo il superamento del regolamento di Dublino, firmato dal governo Lega-Berlusconi.
  4. Il MoVimento 5 Stelle vuole lavorare alla piena transizione energetica dell’Italia e dell’Europa.
  5. Tuteliamo l’ambiente e la salute dei cittadini: al Parlamento europeo i portavoce si battono contro la commercializzazione di OGM, di pesticidi pericolosi come il glifosato, a difesa della qualità dell’aria che respiriamo.
  6. Priorità assoluta ai temi della Rete e dello Sviluppo tecnologico: per il Movimento 5 Stelle il futuro del lavoro sta nel progresso che non può essere fermato e nemmeno ignorato. 
  7. La Russia é un partner economico e un alleato contro il terrorismo, non un nemico. Il MoVimento 5 Stelle si è battuto e si batte per la cancellazione immediata delle sanzioni alla Russia 

Per approfondire:

 

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.