TwitterFacebookGoogle+

Guardian: la Farnesina nel mirino degli hacker. Sospetti su Mosca

Hacker hanno attaccato il ministero degli Esteri italiano per oltre quattro mesi prima di essere scoperti, compromettendo le comunicazioni mail ma senza riuscire a penetrare in documenti sensibili. A dare la notizia in esclusiva è il Guardian, che indica i russi come i principali sospettati del cyber attacco, avvenuto la primavera scorsa.

Compromesse comunicazioni via mail ma non informazioni sensibili

Citando fonti governative, il quotidiano britannico sottolinea che l’attacco nei confronti di Paolo Gentiloni, all’epoca alla guida della Farnesina e oggi presidente del Consiglio, non è riuscito dal momento che l’allora ministro evitava le mail. Diversa la situazione per gli uffici della rete diplomatica nel mondo, che ne hanno invece risentito. Escluse le informazioni delicate che, anche nel caso di ambasciate e consolati, vengono criptate. 

“Non ci sono stati attacchi al livello criptato. Quindi le informazioni – quelle delicate, sensibili – solitamente condivise in questa rete, che ha un accesso ristretto, non sono mai state attaccate né hanno fatto parte di questo attacco”, ha riferito la fonte al Guardian.

E’ Mosca la responsabile?

Sulla responsabilità di Mosca nell’accaduto non ci sono conferme, e su questo sta indagando la procura di Roma. La notizia dell’attacco alla Farnesina arriva mentre è alta la preoccupazione per una possibile interferenza russa nei processi elettorali, in vista dei diversi appuntamenti in agenda nei prossimi mesi, dalle presidenziali francesi al voto in Germania. E in questa lista potrebbe esserci anche l’Italia, con possibili elezioni anticipate. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.