TwitterFacebookGoogle+

Henry circonciso da un saldatore per 100 euro

Il finto medico ghanese dice di aver seguito un corso di abilitazione nel suo paese.

07/06/2016 –
claudio laugeri, noemi penna –

Nella vita è un saldatore l’uomo che ha causato la morte del piccolo Henry, il bimbo di origine ghanese di appena un mese morto il 29 maggio all’ospedale Maria Vittoria di Torino dopo esser stato circonciso «in casa». L’operazione rituale si è svolta in un’aula della scuola occupata di corso Ciriè, dove i genitori avevano trovato un tetto insieme ad altri immigrati. E per eseguirla avevano reclutato «The doctor», che si è presentato dalla famiglia con un collaboratore, che ha tenuto fermo il neonato durante l’operazione, eseguita probabilmente con un rasoio da barbiere, senza alcun tipo di sedazione.

INFEZIONE LETALE

Pare che sia stato proprio lo strumento a causare l’infezione che è costata la vita al bimbo: ha perso molto sangue e gli è salita anche la febbre. Ma quando è arrivato all’ospedale, all’indomani della circoncisione, ormai non c’era più niente da fare. L’autopsia ha rilevato una forte carica batterica.

PARCELLA DA 100 EURO

Il vero mestiere del finto medico è emerso oggi a margine dell’udienza di convalida del fermo, a cui l’uomo è stato sottoposto insieme ai due connazionali, l’aiutante e il mediatore, con cui i genitori avevano concordato il pagamento. Cento euro: 50 anticipati, gli altri mai saldati. I tre sono stati interrogati dal gip Cristiano Trevisan e hanno ripercorso le tappe della vicenda dal loro punto di vista. Il finto medico pare piuttosto conosciuto nella comunità degli immigrati dall’Africa e ha mostrato agli inquirenti l’attestato di un corso, rilasciato da un ministero del Ghana, che lo abilita alle circoncisioni.

CUSTODIA CAUTELARE

«The doctor» è residente a Modena, ma da qualche tempo risulta fra i domiciliati dell’ex Moi, il villaggio olimpico occupato dai migranti, proprio come il mediatore, amico della famiglia. I pm Fabiola D’Errico e Dionigi Tibone hanno chiesto l’emissione di un ordine di custodia cautelare in carcere per omicidio preterintenzionale. I genitori del bimbo restano indagati a piede libero. Si attende ora il verdetto del giudice.

http://www.lastampa.it/2016/06/07/cronaca/henry-circonciso-da-un-saldatore-per-euro-Y2AzSnNjvRX08cwtgJqrSP/pagina.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.