TwitterFacebookGoogle+

Hillary Clinton stacca Trump nei sondaggi

Houston – A 28 giorni dalle elezioni americane, la candidata democratica Hillary Clinton vola nei sondaggi. Secondo l’ultima rilevazione di Nbc News/Wall Street Journal, realizzata dopo la bufera sollevata dalle dichiarazioni sessiste del rivale repubblicano Donald Trump, il vantaggio dell’ex Segretario di stato è salito a 14%, 7 punti in più rispetto al mese scorso, con il 52% dei consensi contro il 38% del miliardario. Il sondaggio è stato condotto tra sabato e domenica scorsi, cioè prima del secondo faccia a faccia in tv, vinto dalla Clinton, secondo Cnn/Orc, ma senza ko. Se si considerano anche i candidati alla presidenza John Johnson, del partito Libertario (che ha ottenuto il 9%), e Jill Stein, leader dei Verdi che si è fermata al 2%, il vantaggio di Hillary risulta di 11 punti. In media, i sondaggi attribuiscono a Hillary uno stacco di cinque punti su Trump.

TRUMP BALLA DA SOLO? PENCE RESTA AL SUO FIANCO

“E’ assolutamente falso suggerire che ad un certo punto ci dimetteremo dal ticket” presidenziale repubblicano. Parola del “cristiano conservatore” Mike Pence, candidato vice di Trump. “E’ il più grande onore della mia vita essere stato nominato dal mio partito per diventare il prossimo vice presidente degli Stati Uniti”, ha tenuto a precisare, dopo essersi dichiarato “offeso” per le dichiarazioni del miliardario sulle donne.

TRUMP, NON MOLLO ANCHE SE PUBBLICHERANNO ALTRI VIDEO

Donald Trump è deciso a non mollare fino al giorno dell’elezione. Anche la prospettata pubblicazione di nuove registrazioni compromettenti non lo spaventa. “Se usciranno altri filmati con espressioni inappropriate, noi continueremo a parlare delle cose inappropriate che Bill e Hillary Clinton fanno“, ha avvertito il miliardario durante un evento elettorale, ieri sera in Pennsylvania.

SPEAKER CAMERA RYAN SERRA I RANGHI

“Dovete tutti fare ciò che è meglio per il vostro distretto”. Così lo Speaker della Camera dei Rappresentanti, il repubblicano Paul Ryan, ai sui colleghi di partito in Congresso, dopo il video con le dichiarazioni sessiste di Trump. Vorrebbe scaricarlo ma preferisce non ritirare il suo appoggio formale al candidato repubblicano per il timore di perdere la maggioranza alla Camera e concedere la vittoria alla democratica Hillary. Ma non lo difenderà più e non farà più campagna elettorale con lui. “Paul Ryan dovrebbe dedicare più tempo a riequilibrare il bilancio, ai posti di lavoro e all’immigrazione illegale, piuttosto che a contrastare il nominato repubblicano”, è stata la risposta di fuoco del magnate del real estate, via Twitter.

TED CRUZ: TRUMP COMUNQUE MEGLIO DI HILLARY

“Sostengo il candidato repubblicano perché ritengo che Hillary Clinton sia un assoluto disastro”. L’ultra-conservatore senatore del Texas Ted Cruz, il più acerrimo rivale di Trump alle primarie Gop, “giustifica” così la sua decisione di non ritirare l”endorsement’, ovvero il suo sostegno ufficiale al tycoon, anche dopo il video pubblicato dal Washington Post.”

“8 NOVEMBRE COME BREXIT”

“L’8 novembre sarà come Brexit“, ha detto Trump ai suoi supporter in Pennsylvania, ieri sera durante un discorso elettorale.

LE SCINTILLE CON WARREN BUFFETT

“Non ho alcun problema a pubblicare la mia dichiarazione dei redditi anche mentre è sotto accertamento”, ha dichiarato il finanziare miliardario Warren Buffett, annunciando che la sua conglomerata americana, la Berkshire Hathaway, ha versato al fisco federale 1,8 milioni di dollari lo scorso anno. Trump, che si rifiuta di rendere nota la sua dichiarazione dei redditi, durante la sfida in tv con Hillary ha dato del “furbetto” a Buffett sulle tasse. “Non dovrebbe avere problemi neppure il signor Trump – ha incalzato l’oracolo di Omaha, come viene soprannominato Buffett – almeno dal punto di vista fiscale”.

IL BIMBO VESTITO DA TRUMP…

Donald Trump ha portato sul palco un bimbo vestito come lui, ieri sera, durante un evento elettorale a Wilkes-Barre, in Pennsylvania. Lo ha affettuosamente mostrato al pubblico, in braccio come un trofeo, e il piccolo ha deciso di onorarlo mettendosi le dita nel naso.

CALO DI ASCOLTI PER SECONDA SFIDA TV

Ascolti in deciso calo per il secondo dibattito tra i candidati alla presidenza della Stati Uniti, trasmesso dai sei network televisivi. I telespettatori sono scesi a 60 milioni lunedì sera, contro il record di 83 milioni durante il primo faccia a faccia, lo scorso 27 settembre. La più gettonata, per seguire la sfida, è stata la Cbs con 16,5 milioni di spettatori, seguita dalla Abc con 11,5 milioni, dalla Cnn con 11,3 milioni, da Fox News con 9,9 milioni, da Fox broadcast con 5,6 milioni e da Msnbc con 5,5 milioni.

ESILARANTE “DUETTO” TRUMP-HILLARY VERSIONE “DIRTY DANCING” IMPAZZA SUL WEB

Trump e Hillary sembrano davvero amorevolmente duettare “(I’ve had) The Time of My Life”, famoso brano finale del film “Dirty Dancing”, nel montaggio del secondo dibattito presidenziale pubblicato da Dutch Lucky tv. Un video esilarante che sta impazzando sul web.

I PROSSIMI APPUNTAMENTI, FLORIDA NEL MIRINO

La campagna presidenziale si sposta oggi in Florida, considerato lo stato più “in bilico” di questa elezione. Hillary parlerà a Miami, insieme all’ex vice presidente Al Gore, mentre l’aspirante first husband, Bill Clinton, parteciperà a tre diversi eventi di registrazione per il voto anticipato, sempre nello Stato del Sole. Un tribunale federale ha imposto l’estensione dei termini per la rigistrazione di voto in Florida a causa dell’uragano Matthew, inizialmente fissati per oggi alle 17. Il governatore della Florida, il repubblicano Rick Scott, si era detto contrario a far slittare la scadenza come richiesto dal partito democratico che è ricorso al giudice federale avendo la meglio. Il nuovo termine sarà deciso oggi durante un’audizione. Anche Trump parlerà in Florida questa sera, a Panama City. Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, farà invece campagna elettorale per la candidata democratica con un intervento a Greensboro, nella Carolina del Nord. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.