TwitterFacebookGoogle+

I dieci sindaci più amati d'Italia e quelli meno. Appendino in testa, Raggi in coda

Roma – Sono state il simbolo della vittoria del Movimento 5 Stelle, ma per Chiara Appendino Virginia Raggi i primi 7 mesi di governo non potrebbero avere esito più diverso. Almeno in termini di gradimento. La sindaca di Torino è prima nella classifica realizzata ogni anno da Ipr Marketing per Il Sole 24 Ore. La prima cittadina di Roma è invece in coda, seguita solo da Rita Rossa, sindaca di Alessandria. Scorrendo la classifica del Sole, emerge un altro dato interessante per il Movimento di Beppe Grillo: al terzo posto troviamo Federico Pizzarotti, il primo cittadino di Parma che ha lasciato M5S, dopo essere stato sospeso.

La classifica del Governance Poll – La top 10

1. Chiara Appendino, Torino (62%)

2. Dario Nardella, Firenze (61%)

3. Federico Pizzarotti, Parma (60,5%)

4. Damiano Coletta, Latina (60%)

4. Vincenzo Napoli, Salerno (60%)

4. Paolo Perrone, Lecce (60%)

4. Luigi Brugnaro, Venezia (60%)

4. Paolo Calcinaro, Fermo (60%)

4. Luigi de Magistris, Napoli (60%)

10. Simone Petrangeli, Rieti (59%)

La classifica del Governance Poll – Gli ultimi

102. Vito Damiano, Trapani (45%)

103. Virginia Raggi, Roma (44%)

104. Maria Rita Rossa, Alessandria (42%)

Leggi anche: Tutte le grane in 6 mesi di giunta Raggi – Bocciato il bilancio del Comune di Roma

“Si scommette sull’uomo più che sul partito”

Il direttore di Ipr Marketing, Antonio Noto, ha evidenziato come emerga dal sondaggio il successo di sindaci che non hanno partiti dietro le spalle. “Negli anni passati i sindaci che non erano appoggiati da grandi partiti non risultavano mai nella testa della classifica, mentre oggi abbiamo, per esempio, Pizzarotti, che è un indipendente ed è terzo in classifica. Così come De Magistris, quarto senza un partito nazionale alle spalle, o lo stesso Brugnaro, anch’egli indipendente. Stanno emergendo sempre di più figure slegate dai partiti”, spiega al Sole. Noto sottolinea la “sfiducia generalizzata dei cittadini nei confronti della politica organizzata”. “Prima gli italiani vedevano un personaggio forte solo se dietro c’era un grande partito, mentre oggi si valuta più l’operato, l’azione amministrativa che il marchio di provenienza”.

Governatori di Regione: Zaia primo, ultimo Crocetta

L’indagine di Ipr e Sole si è concentrata anche sui presidenti di Regione. Tra i governatori primeggia il Veneto con Luca Zaia (Lega Nord) al primo posto (60%), seguito da Enrico Rossi (Pd), governatore della Toscana (57%) e dal presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni (Lega) (54%). Gli ultimi tre sono i governatori del Friuli-Venezia Giulia, Debora Serracchiani (Pd), della Sardegna, Francesco Pigliaru e della Sicilia, Rosario Crocetta. (AGI)

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.