TwitterFacebookGoogle+

I pre-life sono sempre in azione

Cosa succede in città

Schizofrenie all’italiana. Un’infermiera dell’ospedale di Pavia nega la pillola del giorno dopo a due giovani. Voleva salvare una vita umana privandole di un anticoncezionale.


lunedì 6 ottobre 2014 11:40


Il doppio episodio della “pillola del giorno dopo” negata all’ospedale di Pavia, ripone al centro dell’attenzione il tema dell’obiezione di coscienza nelle nostre strutture sanitarie pubbliche per quanto riguarda contraccezione e aborto. L’infermiera che si erge a paladina di un possibile incontro tra spermatozoi e ovociti nel corpo di due ragazze, negando loro l’accesso alla contraccezione di emergenza, non solo non avrebbe alcuna liceità nel farlo, ma ancora più doloroso è che lo abbia invece fatto.

da donna a donna.

E’ pur vero che le più tenaci “pre-life” appartengano spesso al genere femminile, ma è altrettanto vero che per legge l’obiezione di coscienza – e già sappiamo quanti danni provochi nelle donne che vi incorrono – è riservata esclusivamente al personale medico, non a infermieri e farmacisti. La difesa della legge 194, quando viene attaccata così duramente dagli obiettori fai-da-te, oltre che dalla mai risolta questione di altissime quantità di obiettori “legittimi” nella sanità pubblica, diventa ancora più necessaria. Speriamo che non sia delegata ai soli Radicali che, dal basso delle loro infinitesime percentuali elettorali e con un ascolto ancor minore sui media, sono sempre costretti a fare tutto il lavoro che i politici. obiettori non fanno. Paolo Izzo

Original Article >>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.