TwitterFacebookGoogle+

“I sardi disoccupati, la Confesercenti forma i migranti: stop licenze”

Bufera sulla Confesercenti che ha organizzato un corso per barman e pizzaioli ai migranti, che non pagheranno un euro per svolgerlo. Il caso arriva in consiglio regionale: “La Confesercenti che dovrebbe garantire il futuro del commercio ai ragazzi sardi invece aiuta i migranti, ora basta: revochiamo le licenze per corsi di questo tipo”

di Jacopo Norfo –

Diventano una vera e propria bufera politica i corsi della Confesercenti per barman e pizzaioli riservati ai migranti, che a differenza dei sardi non pagheranno un euro grazie all’intervento di una Ong. Dopo il consigliere comunale Alessandro Sorgia che ieri aveva protestato chiedendo di fare formazione prima ai nostri giovani, il caso approda anche in consiglio regionale. Dove il consigliere Edoardo Tocco non ci sta: “Qui si sta veramente esagerando – tuona Tocco – abbiamo il 39 per cento di disoccupazione giovanile e la Confesercenti che dovrebbe garantire il futuro del commercio ai nostri ragazzi fa una scelta così scriteriata. Qualcosa non quadra: o fai formazione alla pari ai nostri, o sarebbe neglio togliere le licenze per effettuarli, questi corsi che penalizzano i ragazzi cagliaritani. Bisogna invece dare priorità ai sardi, giovani e meno giovani, che si trovano tagliati fuori dal mercato del lavoro”.

jacopo.norfo@castedduonline.it

http://www.castedduonline.it/cagliari/centro-storico/42050/i-sardi-disoccupati-la-confesercenti-forma-i-migranti-stop-licenze.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.