TwitterFacebookGoogle+

I simboli che (forse) troveremo sulla scheda elettorale, dai soliti noti ai più curiosi 

La presentazione dei simboli al Viminale è un evento che vale il prezzo del biglietto. Si parte alle sette del mattino con il vicepresidente del Senato, Roberto Calderoli, che in fila sotto la pioggia con le scarpe da tennis, deposita il simbolo ‘Lega Salvini premier‘ ed esclude i centristi dalla coalizione di centrodestra. “Le gambe sono tre – dice chiaro e tondo – FI, Lega e FdI. La quarta gamba si è rotta”.

Febbrili le trattative e frenetiche le dichiarazioni tra FI, Udc, Fitto per ricucire la situazione. Il Viminale prevede la deadline di domenica 21 gennaio alle ore 16, ma per ora Calderoli e la Lega non cambiano idea. Berlusconi annuncia di avere recuperato la ‘quarta gamba’, ma la coalizione di centrodestra allargata, alle 18, non e’ ancora arrivata al ministero dell’Interno.

Movimento 5 stelle

Sul versante del Movimento 5 Stelle la novità è l’esclusione di ogni riferimento a Grillo nel simbolo. Sotto la parola ‘MoVimento’ e le 5 stelle gialle gli elettori troveranno solo la scritta ‘Ilblogdellestelle.it’. Grillo, Di Maio e Casaleggio presentano il simbolo in pompa magna, ma scendono solo alle ore 8 dal van (parcheggiato sulle strisce gialle, in sosta vietata). A fare la fila sotto la fastidiosa pioggerellina rimane Vito Crimi, in compagna di Calderoli. Entrambi sono preceduti dalla navigata Mirella Cece, che entra al Viminale prima di loro con il simbolo ‘Sacro Romano Impero Cattolico’. Enorme crocefisso al collo, Cece rivolge “un saluto di pace” a Calderoli e Crimi.

Grillo, attorniato dalle telecamere, sibila: le modalità di presentazioni dei simboli al Viminale sono “roba da Medioevo”, dove per un giorno “vedremo i nazisti far finta di essere normali”. Toni ben diversi da 5 anni fa sulla stessa piazza, quando Grillo arrivò a dichiarare: “Se un ragazzo di CasaPound volesse entrare nel Movimento 5 Stelle e avesse i requisiti per farlo, entra”. “L’antifascismo? E un problema che non mi compete”, affermò il comico genovese nel 2013. 
 

Simboli e coalizioni

FI, Pd, Lorenzin, Bonino e FdI non hanno per ora presentato simboli e coalizioni al Viminale. Nell’ambito del centrosinistra solo Insieme e Svp hanno dichiarato una coalizione a 5, comprendente Renzi, +Europa e Civica Popolare. Emma Bonino prende tempo: “L’alleanza con il Pd è ancora in discussione”. Psi, Verdi e prodiani non possono però aspettare i riti radicali: “Non potevamo correre il rischio che qualcuno presentasse la parola ‘Insieme’ prima di noi’. Sotto la pioggerellina di gennaio Oreste Pastorelli (Psi) centra l’obiettivo prefissato e non si fa scavalcare sulla parola ‘Insieme’. 

I funzionari del Viminale sorridono a Giuseppe Cirillo, psicologo, che presenta la lista ‘Partito Buone Maniere’. Con il simbolo alla Camera circoscrizione Campania 2 arrivano delle ottime paste. Per la verità c’erano anche dei caciocavalli, ma i funzionari hanno declinato l’offerta.

Liberi e Uguali con Pietro Grasso ha depositato il simbolo per tutte le circoscrizioni italiane ed estere. All’estrema sinistra, firme permettendo, ci sono per ora i simboli del Partito comunista di Marco Rizzo, diPer una sinistra rivoluzionaria’ che ingloba il Partito Comunista dei Lavoratori e di ‘Potere al popolo’.

All’estrema destra presenti ‘Forza Nuova’ e ‘Fiamma Tricolore’ che corrono insieme, ‘Casapound’, Msi-Dn e il ‘Movimento Politico dei Forconi’.

Al centro l’eterno scudocrociato della Democrazia Cristiana, finora depositato solo da Giovanni Fontana. Ci sono anche il Pli e i Pensionati, orfani e senza l’aiuto di alcuna coalizione.

Tra i simboli piu’ curiosi:

  • ‘Viva la fisica’,
  • 10 volte meglio’,
  • ‘Movimento Mamme del Mondo’,
  • ‘Popolo Partite Iva’,
  • ‘Recupero Maltolto Articolo 18’,
  • ‘No gender nelle scuole. Il popolo della famiglia’.

Vedremo quanti riusciranno a raccogliere le firme necessarie.

Cirillo ne è certo: nella circoscrizione Camera Campania 2 il partito delle ‘Buone Maniere’ ha le firme necessarie. E i voti per superare il 3%? “Quella soglia è impossibile da raggiungere, tenteremo nell’uninominale”. Le paste intanto sono state apprezzate. I caciocavalli tornano a sud del Garigliano.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.