TwitterFacebookGoogle+

I vescovi italiani alla crociata anti-gay

bagnasco-antigayL’offensiva sembra senza precedenti, perlomeno in tempi recenti. La Chiesa italiana sembra aver lanciato un attacco ideologico ai diritti degli omosessuali. Ed è già sceso in azione il suo braccio secolare, nel silenzio complice di troppi sedicenti laici.

Il cardinale Angelo Bagnasco, presidente dei vescovi italiani, ha tenuto lunedì una prolusione in apertura dei lavori del Consiglio Episcopale. E ha sparato alzo zero sulla “recente iniziativa — variamente attribuita — di tre volumetti dal titolo “Educare alla diversità a scuola”, che sono approdati nelle scuole italiane, destinati alle scuole primarie e alle secondarie di primo e secondo grado”. Secondo il porporato le guide “mirano a “istillare” (è questo il termine usato) nei bambini preconcetti contro la famiglia, la genitorialità, la fede religiosa, la differenza tra padre e madre”.

Bagnasco ha attaccato “la lettura ideologica del ‘genere’ — una vera dittatura — che vuole appiattire le diversità, omologare tutto fino a trattare l’identità di uomo e donna come pure astrazioni”. Ed è arrivato a chiedersi “con amarezza se si vuol fare della scuola dei “campi di rieducazione”, di “indottrinamento””. Ha invitato i genitori cattolici a reagire, in nome della “libertà educativa”, affinché “si sprigioni nell’intera società un brivido di rifiuto e di seria preoccupazione”.

Non si può dire che non sia stato chiaro. I ciellini di Tempi hanno immediatamente ripreso le parole di Bagnasco per far notare che quella in corso “non è una battaglia tra laici e cattolici”. Hanno ragione. Quella in corso è una vera e propria guerra condotta dai clericali. Sono loro che fanno la voce grossa. Quale libertà di educazione c’è, se si vieta agli studenti la conoscenza della realtà? Se li si lascia coltivare atteggiamenti omofobi? Con quale coraggio Bagnasco pontifica sull’indottrinamento, quando ogni anno oltre un miliardo di euro pubblici se ne va per pagare gli stipendi di docenti scelti dai vescovi per insegnare il catechismo in tutte le scuole pubbliche?

 

Non ci risulta che qualche vescovo abbia preso le distanze da Bagnasco. Ci risultano invece altri passaggi inequivocabili del discorso stesso. Ha sostenuto che c’è “una visione iperindividualista all’origine dei mali del mondo”. Ha criticato chi “usa come grimaldello l’impazzimento dell’individuo con le sue pretese solipsiste”. Ha attaccato l’Occidente, che “vuole corrompere l’umanesimo”, nonché il suo “neocolonialismo culturale, che vuole imporre con mezzi spesso ricattatori: finanziamenti in cambio di leggi immorali”. La settimana scorsa era tornato a usare parole ateofobiche. L’intervento di Bagnasco, che pure viene dato per uscente, è il segno che la Chiesa si sente fortissima: mentre manda avanti il papa a raccogliere papolatri, trasmette un messaggio sempre più duro e pretende in modo ancora più fermo che ciò che chiede sia applicato.

E viene applicato. Subito. Gli opuscoli che tanto dispiacciono al principe della Chiesa, e che sono stati realizzati dall’Unar, erano stati già posti sotto osservazione quando ancora era in sella il governo Letta. Due giorni dopo la prolusione di Bagnasco, la diffusione nelle scuole — dove non erano ancora “approdati”, il cardinale ha detto il falso — è stata prontamente bloccata e “rinviata a data da destinarsi”. Non stupisce la decisione del ministero, che ora è guidato da politici iperclericali, come abbiamo denunciato (praticamente da soli) quando è stato insediato il governo Renzi. Mentre la ministra Giannini resta in silenzio sulla questione, il sottosegretario ciellino Toccafondi ne ha di fatto preso il posto: il suo partito, il Nuovo Centrodestra, è del resto una creatura vaticana. Ma vogliamo parlare anche un poco dei suoi alleati di governo? A Torino il piddino Fassino ha censurato le schede antiomofobe presenti sul sito del Comune. E oggi, come se niente fosse, 176 senatori, 298 deputati, 9 ministri e 19 sottosegretari si sono recati dal papa per assistere alla messa delle 7.

Quello stesso papa che, nei giorni scorsi, ha “cordialmente” ricevuto il presidente nigeriano Goodluck Jonathan, firmatario della legge che criminalizza l’omosessualità. Papa, cardinali e vescovi sostengono di non essere anti-gay, ma si oppongono a ogni iniziativa contro l’omofobia (che fine ha fatto la relativa legge, peraltro già praticamente svuotata?) E giudicano, giudicano eccome, continuano imperterriti a giudicare come prima e più di prima. Ma quant’è bella la rivoluzione cristiana!

La redazione

Articolo originale http://www.uaar.it/news/2014/03/27/vescovi-italiani-crociata-anti-gay/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=vescovi-italiani-crociata-anti-gay

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.