TwitterFacebookGoogle+

Il britpop di Brett Anderson infiamma il Postepay Rock in Roma

Roma, 11 lug. – Alle luci del tramonto e sulle note di ‘Have a nice day’ degli Stereophonics e’ iniziata la serata Britpop del Postepay Sound Rock in Roma: una travolgente performance di Brett Anderson, cantante dei Suede, che ha infiammato il pubblico del “White stage” alle Capannelle. Agli Stereophonics il compito di ‘scaldare’ la platea: salgono puntuali sul palco alle 20.45 e alternano grandi successi a brani tratti dall’ultimo lavoro “Keep the Village Alive”. ‘Maybe Tomorrow’, ‘Local Boy in a photograph’ e ‘Mr Writer’, fanno cantare all’unisono i fan romani. Nel corso della loro carriera, la band gallese ha venduto piu’ di 10 milioni di album raggiungendo con undici canzoni la top ten dei singoli, tra cui “Dakota”.

Ma l’atmosfera cambia decisamente non appena alle 22.45 sale sul palco il carismatico cantante dei Suede, Brett Anderson. Diciotto brani di pura adrenalina in circa un’ora di concerto in cui il gruppo inglese ripercorre gli oltre 20 anni di carriera: sui palchi di tutto il mondo dal 1993 al 2003, una lunga pausa e poi nel 2013 il ritorno. Quest’anno e’ uscito ‘Night Thoughts’, settimo album della band. “What I’m Trying to Tell You” apre il concerto e subito il ritmo e la carica di Brett contagiano il pubblico. Disteso sul palco canta “By the Sea” e subito dopo, per la gioia dei fan, si lancia tra la folla sulle note di “She’s in Fashion”. Il sipario si chiude con “New Generation”. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.