TwitterFacebookGoogle+

Il burkini della nonna

Di Nino Lisi (Lista Lidia Menapace) –
Mia mamma, nata nel 1907, e mia  zia, sua sorella, del 1905, mi raccontavano che da piccole, più o meno dunque negli anni della prima guerra mondiale, facevano il bagno a mare, tuffandosi  in acque limpidissime  da uno stabilimento costruito in legno sugli scogli antistanti la curva con la quale  via Nazario Sauro si innesta in via Partenope, a Napoli.

Lo stabilimento era diviso in due sezioni rigidamente separate; dall’una non si poteva passare nell’altra e nemmeno ci si poteva guardare, gli sguardi essendo impediti  da un’alta paratia di legno che si prolungava anche nel mare per parecchi metri. In una delle due sezioni avevano accesso  solo i maschi; nell’altra solo le donne. Le signore,  se facevano il bagno, lo facevano indossando un camicione che le copriva sino alle caviglie, al disotto  del quale   non so   quale altro  indumento  avessero, ma certamente non erano nude.  Insomma qualcosa di molto simile ai Burkini di cui si parla tanto in questi giorni. Se mia nonna avesse fatto il bagno lo avrebbe indossato.

Fu in quel mare “separato” che mamma e zia divennero delle appassionate  nuotatrici e, specialmente zia, provette sommozzatrici,  pratiche in cui si sono cimentate ambedue anche passati  gli 80 anni di età.

I miei, intorno alla metà degli anni trenta,  d’estate,   per un paio d’anni, presero in fitto un appartamentino ai Gerolomini,    località tra Bagnoli e Pozzuoli, nei pressi di una stazione termale dove  mia monna, di pomeriggio, accompagnata da mia zia, andava a “fare i fanghi”.    Di mattina, mamma e zia portavano  me nella  spiaggia sotto casa  che ne era separata  solo da una strada. Di  pochissimi anni (sono nato nel 1930),ero in costume e sguazzavo sul bagnasciuga; mamma e zia no: indossavano normali abiti estivi  e vigilavano sulla mia incolumità  sedute su due sgabellini pieghevoli  ed all’ombra di ombrellini, sotto la sorveglianza   di   mia  nonna che di tanto in tanto si affacciava dal balcone. Non so se, da appassionate nuotatrici, mamma e zia  soffrissero di non    fare il bagno;  se così era non lo davano a vedere, almeno a me.

Poi ci furono la guerra d’Africa, quella di Spagna e la seconda guerra mondiale. E si sa che le guerre sono   potenti acceleratrici  dei cambiamenti dei costumi.

Così, nel secondo dopoguerra mia zia e mia madre ripresero a fare i bagni   a Torre del Greco, dove eravamo sfollati per sfuggire ai bombardamenti che però ci raggiunsero anche lì.

Pure  la casa di  Torre del Greco   era prospiciente ad una spiaggia, come quella dei Gerolomini;   ne era  separata  solo dai binari della ferrovia per le Calabrie, che si superavano mediante  un sottopasso. Lo stabilimento era anch’esso di legno, come quello di via Partenope, ma non aveva separazioni:  le “signore bagnanti” non erano sottratte agli sguardi dei “signori bagnanti”. I costumi però  erano castigatissimi, specie quelli delle signore: i  due pezzi non erano ancora stati inventati, tampoco i bikini  e non parliamo dei topless che si sarebbero visti solo dopo alcuni decenni, non senza che non poche multe  e qualche condanna colpissero le prime audaci che avrebbero osato ridurre così drasticamente  l’abbigliamento marino.

Mamma e zia indossavano costumi di una stoffa pesante, neri e con il “gonnellino”. Solo alcuni anni dopo passarono al “mezzo gonnellino” che copriva l’inguine e la parte superiore delle gambe. Al costume senza gonnellino arrivarono solo in età avanzata,  diciamo da vecchie.

Ora, mamma e zia non erano mussulmane, ma cattoliche; non erano di una classe sociale poco evoluta, ma borghesi; erano  nate a Napoli da una mamma appartenente  alla “buona borghesia”napoletana (così si diceva una volta) ed avevano avuto un padre veneto, rampollo di una famiglia aristocratica di proprietari terrieri, di idee liberali,  i cui membri maschi avevano  aderito  alla Carboneria e contribuito al finanziamento  non so di quali imprese delle guerre di indipendenza. Dunque l’adeguamento di mia madre e mia zia alle  usanze  in materia di abbigliamento balneare  che ho decritto  non dipendevano   da questioni né di classe sociale, né  geografiche e neppure religiose, perché  in queste cose la religione, come vedremo, c’entra si e no. Di sicuro  dipendeva dalla  impronta  patriarcale che fortemente permeava  (e permea ancora) tutta la nostra società, cultura e religione comprese.

Dio, infatti, come insegna Maria Lopez Vigil, teologa cristiana, “nacque donna”  all’epoca delle tribù nomadi e tale rimase a lungo. Si mascolinizzò  solo quando le popolazioni, divenute  stanziali    essendosi date  all’agricoltura come attività principale,  sentirono  “la necessità di difendere attraverso le armi e la violenza granai e territori”. Così “l’idea ancestrale (di un dio al femminile) si andò trasformando. La cultura convertì Dio in maschio e in un maschio guerriero”.

Tale divenne  ovunque: in Asia, in Africa ed in quella che  chiamiamo Europa, nonché per tutte le religioni: quelle  che c’erano all’epoca e  quelle che sarebbero  sorte dopo. Così:  maschio  è il Dio dell’ Ebraismo, quello del Cristianesimo come quello dell’Islam, cioè  di tutte e tre  le “Religioni del Libro”, di tutti e  tre  i Monoteismi.  E non per rivelazioni divine,  ma  per il predominio della cultura patriarcale che,  sorta  a seguito dei cambiamenti culturali e sociali provocati dalla rivoluzione agraria di millenni fa, si è consolidata nel tempo ed ha improntato  tutte  le  società determinandone i costumi ed i malcostumi, non solo quelli dei credenti, ma anche quelli  degli agnostici e degli atei; infatti la collocazione della  donna in posizione sociale  subordinata al maschio  si riscontra non solo nei contesti religiosi ma in tutti gli ambiti delle società.

Considerare  dunque la questione degli abbigliamenti femminili, in spiaggia ed altrove, come se si trattasse  di costumanze connesse unicamente al dato religioso  non solo è sbagliato, ma  è anche  deviante e pericoloso. Deviante,  perché  sposta l’attenzione e l’impegno da quella che è la radice profonda del problema,  che così non viene affrontata. (Si ripete la solita questione del dito e della Luna). E’ pericoloso,  in quanto concorre, anche se involontariamente, a rendere plausibile che si tratti di una guerra tra religioni (che sarebbe la peggiore e più ributtante delle guerre) e a suscitarla artificiosamente.

Le donne, con le loro lotte, con il  Femminismo, hanno  colto nel segno, scoprendo  nel patriarcalismo l’origine della subordinazione della donna al maschio che si verifica nei più disparati contesti e  individuando nella cultura patriarcale quella da debellare.  Le loro lotte per l’emancipazione e per la liberazione  hanno  raggiunto  stadi  e risultati diversi nei differenti paesi, costringendo il patriarcalismo ad arretrare in misure che variano da paese a paese. In nessuno però la cultura patriarcale è stata debellata, nemmeno nel nostro (dove i femminicidi, che sono solo la punta dell’iceberg, ancora imperversano)  ed in tutti la lotta delle donne, che  si svolge soprattutto sul piano culturale, deve proseguire e va  sostenuta. Possono sostenerle pure  i maschi che hanno imparato da esse a riconoscere il patriarcalismo anche  in se stessi, a patto che rispettino  i tempi e le modalità che sono le donne, paese per paese, a dover stabilire e  che siano consapevoli  che la libertà, l’emancipazione, i diritti, così come la democrazia, non sono merci  da poter esportare ed importare, né oggetti da regalare o da essere  ricevuti in dono. Possono essere solo conquistati.

È difficile accettarlo per noi occidentali.  Malati di eurocentrismo, pretendiamo di imporre la nostra cultura, i nostri “valori”, i nostri  modelli di vita agli altri popoli. Si, so bene che questa pretesa è falsa ed  è  servita e serve  per mascherare  il colonialismo ed il neocolonialismo, cioè per occultare la nostra smaniosa bramosia   di  depredare delle loro risorse i popoli di altre terre. Per falsa che sia, questa nostra pretesa è comunque  assai perniciosa: abbiamo visto tutti e tutte  quali danni abbiamo prodotto anche a noi stessi/e quando abbiamo finto di voler  esportare la democrazia.  Danni analoghi provocheremmo se volessimo adesso pretendere di esportare in altri paesi  la libertà e l’emancipazione delle donne e di imporle alle donne straniere che sono venute ad abitare da noi.

Penso quindi  che i divieti stabiliti in Francia di indossare veli, burka e burkini,  dimostrazioni per altro  che neppure laicità e laicismo sono esenti dal patriarcalismo, siano una pessima cosa. Sembra per fortuna che in Italia, forse più per timore di eventuali ritorsioni dell’Isis che per convinzione, non si sia disposti a seguirne l’esempio.  Menomale.

Ma non basta. Credo che per non ostacolare il cammino di liberazione delle donne di altri popoli, oltre che rispettare i loro tempi e le loro modalità, dovremmo preoccuparci ed occuparci di contrastare il patriarcalismo in casa nostra.

http://www.italialaica.it/news/articoli/55937

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.