TwitterFacebookGoogle+

Il calendario della corsa all'Eliseo

Tra meno di due mesi, il 7 maggio, la Francia avrà scelto l’ottavo presidente della V Repubblica. La macchina elettorale delle elezioni che dovranno decidere chi sarà il successore di Francois Hollande all’Eliseo, si mette in moto ufficialmente, con l’entrata in vigore della par condicio elettorale. Ecco le principali tappe di questi due mesi che porteranno alla domenica del ballottaggio: 
 

  • 19 marzo: ‘la Par condicio’

Scatta la ‘Par condicio’: il Consiglio superiore per le attività audiovisive dovrà assicurare equità di distribuzione dei tempi di presenza in radio e tv dei candidati. Solo a partire dal 10 aprile però, i candidati saranno autorizzati a diffondere i loro spot in tv e radio. 
 

  • 20 marzo: il primo dibattito

I candidati scendono ufficialmente nell’agone mediatico. Il primo confronto televisivo avrà luogo sul primo canale della televisione pubblica francese, Tf1, alle 20 in punto. A confrontarsi saranno i cinque nomi più importanti: Francois Fillon, Benoit Hamon, Emmanuel Macron, Marine Le Pen e Jean-Luc Melenchon
 

  • 20 aprile: match di ritorno, il secondo dibattito

Un mese dopo il primo confronto, esattamente una settimana prima del voto, i candidati torneranno in tv per giocarsi le ultime chance. A trasmettere il dibattito questa volta sarà France2 e a confrontarsi non saranno solo i cinque ‘big’ ma tutti.

 

  • 21 aprile: scatta il silenzio elettorale

Alla mezzanotte la campagna elettorale finisce ufficialmente. Due giorni di riflessione e di silenzio accompagneranno i francesi al primo turno.
 

  • 23 aprile: il primo turno

Alle 8 di mattina e fino alle 19, tranne che nelle grandi città del pase dove le urne si chiuderanno alle 20, i francesi saranno chiamati a decidere chi dovrà succedere a Francosi Hollande. Molto più probabilmente, considerato che nessuno dei candidati in lizza dovrebbe ottenere il 50% più uno dei voti, si decideranno i due nomi che si contenderanno l’Eliseo al ballottaggio due settimane più tardi.
 

  • 3 maggio: il duello finale in tv

I due vincitori del primo turno si scontreranno in tv per il faccia a faccia. 
 

  • 7 maggio: il grande giorno

Il giorno clou in cui si decideranno i destini della nazione e il successore di Hollande alla più alta carica della Repubblica. Anche per il ballottaggio le urne si apriranno alle 8 e si chiuderanno alle 19 in tutta la Francia, salvo che nella grandi città del paese dove c’è un’ora di tempo in più e i seggi chiuderanno alle 20. Nel cuore della notte elettorale, tra exit poll, proiezioni e dati reali, si conoscerà il vincitore.
 

  • 11 maggio: la proclamazione

Il nuovo presidente della Repubblica francese sarà ufficialmente proclamato al più tardi l’11 di maggio. Non oltre il 14 maggio avverrà il passaggio di testimone tra Hollande e il suo successore con la cerimonia ufficiale del cambio di consegne all’Eliseo. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.