TwitterFacebookGoogle+

Il campione dell'Nba a bordo della nave Open Arms

I ‘social’ incoronano quasi all’unanimità come un “eroe” Marc Gasol, il campione spagnolo della Nba che ha svelato con un tweet di far parte dell’equipaggio della nave dell’Ong spagnola Open Arms e di aver partecipato al salvataggio di una donna al largo della Libia. “Ci sono giocatori forti, fortissimi. Poi ci sono UOMINI che sono dei fuoriclasse”, ha scritto un utente italiano su Twitter del 33enne ‘centro’ catalano in forza ai Grizzlies di Memphis. “Marc Gasol non parla e agisce, adoperarsi per portare in salvo una donna vale ben più di qualsiasi anello Nba. Mvp!”.

Gasol, che ha postato una foto che lo ritrae su un gommone con caschetto rosso e salvagente vicino a Josephine, la donna salvata da Open Arms, ha spiegato che avrebbe voluto fare il volontario in mare già l’anno scorso ma era impegnato con la Spagna agli europei. “È incredibile che così tante persone vulnerabili vengano abbandonate alle loro morti in mare”, ha twittato la star del basket professionistico Usa che insieme al fratello Pau ha messo la Spagna sulla mappa della Nba.

Frustración, rabia y mucha impotencia. Increíble que se abandonen personas en medio del mar. Admiración profunda para los que estos días son mis compañeros de equipo @openarms_found pic.twitter.com/9pavXHCCBV

— Marc Gasol (@MarcGasol) 17 luglio 2018

“Ricordo che la foto del bimbo siriano morto sulla costa turca nel 2015 mi provocò un senso di rabbia, capii che tutti noi dobbiamo fare la nostra parte per fermare queste tragedie”, ha aggiunto, “è stato allora che ho incontrato Oscar Camps di Open Arms: la sua convinzione mi ha impressionato”.

Le reazioni sulle reti sociali

I commenti della Rete sono stati per lo più di ammirazione. “Il modo in cui uno gioca, in qualsiasi sport, dice molto di lui: la generosità, l’intelligenza, l’onestà. E già si sapeva che Marc Gasol fosse uno in gamba. Ma in realtà forse lui è normale e siamo noi ad essere molto miseri”, ha scritto un altro utente. E ancora: “Avviso ai complottisti: se questa è una messinscena deve essere costata parecchio, visto che il volontario con gli occhiali guadagna 24 milioni di dollari all’anno in Nba. Chissà quanto costa una comparsa così”. “Giocatore Nba, campione del Mondo e d’Europa, 24 milioni di stipendio l’anno. UN EROE DEI NOSTRI GIORNI”. 

Non è mancata qualche voce discordante: “Volontario sulla #ONG star NBA (così avrà una bella pubblicità mondiale) Marc Gasol, a bordo della Open Arms, catalana come lui. Ecco, portateli tutti in Catalogna e non spaccate la m… a noi”.

Gasol ha spiegato di essersi messo, lui che ha due figli, nei panni di “un padre che deve affrontare viaggi come questi in cui si rischia tutto per raggiungere un paese dove poter vivere in pace e con dignità”. “Penso che se fossi al suo posto vorrei che qualcuno mi aiutasse mettendo a disposizione il suo tempo, i suoi soldi, dandomi una mano. Penso che dovremmo tutti contribuire in qualche modo”, ha concluso.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.