TwitterFacebookGoogle+

Il cardinale Onaiyekan: ‘avremo sempre più italiani neri, bisogna abituarsi’

Il cardinale nigeriano commenta i fatti di Macerata: ‘in Italia nessuno dovrebbe temere per il colore della propria pelle’

globalist –
10 febbraio 2018 –

In un commento sui fatti di Macerata rilasciato a Tg2000, l’arcivescovo di Abuja, in Nigeria, cardinale John Onaiyekan ha detto: “l’Italia deve continuare a essere un paese libero dove tutti possono circolare senza paura, senza differenze per il colore della pelle. Avremo sempre piu’ italiani neri. L’Italia deve cominciare ad abituarsi a questo”.

“Quanto è accaduto a Macerata – ha aggiunto il cardinale nigeriano – non è una buona cosa per l’Italia. E’ un episodio isolato, speriamo che rimanga tale. Certamente ciò che è accaduto non deve ripetersi”. A Macerata, lo ricordiamo, sono rimasti feriti anche dei giovani nigeriani.

“L’Inghilterra – ha continuato – è già abituata ad avere britannici neri che ricoprono ruoli anche al vertice della società. Gli Stati Uniti d’America sono diventati un grande Paese perché hanno saputo accogliere gente da ogni parte del mondo”.

“Bisogna cercare di trovare una maniera per accogliere queste persone e non vedere tutti come gente pericolosa o nemici. Gli stranieri devono essere nostri amici e fratelli” ha detto poi Onaiyekan: “qui in Italia abbiamo nigeriani che non fanno lavori dignitosi, come le prostitute per la strada, ma ci sono anche nigeriani che fanno il loro business, pagano le tasse e contribuiscono al benessere dell’Italia mentre migliorano la propria vita”

http://www.globalist.it/world/articolo/2018/02/10/il-cardinale-onaiyekan-avremo-sempre-piu-italiani-neri-bisogna-abituarsi-2019264.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.