TwitterFacebookGoogle+

Il cardinale Pell sarà processato per abusi su minori

Dopo 4 settimane di udienze, il cardinale australiano George Pell, prefetto della Segreteria per l’economia in Vaticano in congedo, è stato rinviato a giudizio per abusi sessuali. Il magistrato di Melbourne Belinda Wallington ha stabilito che ci sono prove sufficienti perché il porporato, 76 anni, uno degli uomini più importanti della Curia di Roma, venga processato. Pell, che si è formalmente dichiarato “non colpevole” è accusato di abusi sessuali ai danni di minori avvenuti tra la fine degli anni Settanta e Ottanta a Ballarat, suo paese di nascita, e tra la fine degli anni Novanta e gli inizi del 2000 nella diocesi di Melbourne, dove era arcivescovo.

Respinte alcune delle accuse più gravi

I dettagli delle diverse accuse non sono noti ma oltre a quelle che lo vedono direttamente coinvolto vi sarebbero episodi di copertura di altri sacerdoti pedofili e perfino uno stupro. Sarà processato per alcuni casi di abuso ma la maggior parte delle accuse, soprattutto quelle più gravi, sono state respinte. Pell è arrivato in tribunale ieri mattina verso le 9:30 per la decisione sul rinvio a giudizio scortato dalla polizia ed è andato via dopo il verdetto tra le urla di alcuni manifestanti. Le indagini che hanno portato Pell alla sbarra sono iniziate nel 2012, dopo 10 anni di pressione da parte delle presunte vittime.

Il Papa aveva accettato la sua richiesta di congedo per potersi difendere e l’aspettativa è stata rinnovata. “La Santa Sede prende atto della decisione emanata dall’autorità giudiziaria in Australia riguardante sua eminenza il cardinale George Pell. L’anno scorso il Santo Padre gli aveva concesso un periodo di congedo per potersi difendere dalle accuse che gli erano state contestate. Tale disposizione rimane tuttora valida”, ha reso noto il portavoce vaticano Greg Burke. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.