TwitterFacebookGoogle+

Il celibato dei preti è una finzione

di Marco Marzano – 24 settembre 2015 –

Ho l’impressione che siano pochi i preti italiani che si attengono fedelmente alla norma celibataria. Un buon numero di loro, qualcuno dice addirittura i tre quarti del totale, è omosessuale e usa il celibato come uno splendido alibi per non dover fornire giustificazioni del desiderio di non avere relazioni sentimentali con le donne e di non sposarsi. Tra gli eterosessuali ve ne sono molti che hanno relazioni regolari e durature, anche con figli. Molti altri hanno solo relazioni occasionali, più o meno numerose. Una vita di assoluta castità non è comunque, anche per quei pochi under settanta che la praticano, sintomo di serenità spirituale o di pace interiore. Perché spesso dà luogo a fenomeni patologici, come l’alcolismo (molto diffuso) o altre forme di dipendenza, e si accompagna ad uno stato depressivo e di profonda infelicità.

In ogni caso, una condotta sessuale attiva può essere vissuta dai preti in modi molto diversi: talvolta con terrificanti sensi di colpa, talaltra con la serenità di chi invece ha compreso di aver diritto a una vita affettiva autonoma dalle imposizioni dell’istituzione. E questo non dipende dagli orientamenti sessuali. Ho intervistato qualche tempo fa un prete gay che mi rivelò il desiderio di vivere il suo amore alla luce del sole. Oggi ha lasciato anche lui. L’idea che il celibato sia lo strumento principale per avere dei presbiteri completamente devoti alla loro comunità e che questa loro devozione soddisfi i bisogni affettivi dei sacerdoti, che li gratifichi come li gratificherebbe l’amore di una compagna o di un compagno e di una famiglia, è una menzogna assoluta.

Il celibato è in realtà la “regola di ingaggio” che consente alla Chiesa di disporre di funzionari a tempo pieno ad essa pienamente dedicati e ricattabili. Semplificando all’estremo, è come se l’istituzione dicesse al suo funzionario: “Tu sapevi quando hai accettato l’ingaggio che c’era questa regola. La puoi violare, ma ti sentirai in colpa e sarai comunque costretto a nasconderti. Perché, quando non rispetti il celibato, sentirai di aver tradito la fiducia del tuo gregge, al quale noi istituzione (con il tuo concorso!) abbiamo insegnato che tu devi essere puro e casto. Noi ti perdoneremo quando ignorerai il divieto. E ti copriremo anche se serve, ad esempio trasferendoti in un altro luogo se hai una donna che ti insegue o mandandoti in clinica invece di denunciarti se hai commesso qualche crimine legato alla sessualità.”

Il celibato diventa la premessa della sacralizzazione della figura asessuata del prete, la condizione della sua superiorità rispetto agli altri fedeli, il segno più tangibile che egli è più puro di loro e che la sua vita coincide con il suo ruolo pubblico. In questa metamorfosi egli si disumanizza, riducendosi a mero simbolo, privato del diritto ad avere una vita privata. Per qualche prete questo regime psichico è la premessa di un narcisismo incontenibile, della convinzione di essere più simile a Gesù che ai propri simili. E di avere un naturale diritto a comandare. Per altri è una terribile camicia di forza che spinge verso il dolore e la morte interiore.

Di seguito pubblico la lettera di una lettrice:
Una breve riflessione dopo la lettura di questo articolo che ho trovato completo, stimolante e  molto puntuale e veritiero.

Scrivo di pancia lasciandomi guidare dalle emozioni che questo scritto mi ha suscitato.

Scrivo conoscendo bene i fatti perché io sono una delle tante Agata, l’altra parte della mela!  Quella marcia secondo il parere della chiesa! La rovina di molti giovani sacerdoti che si sono lasciati indurre in tentazione dalle debolezze della carne!!!! Checchè ne dica papa Francesco in questi ultimi giorni.

Io donna, fonte di un sacro terrore in una Chiesa che si definisce madre, ma che non potrà mai essere tale finché guarderà al mondo femminile con timore e misoginia.

Una chiesa che a parer mio riveste più il ruolo di matrigna, impegnata a  difendere i suoi “figli” mantenendoli  legati a sè con la subdola promessa di  sicurezza e privilegi .

Per non parlare poi dell’ipocrisia che si scatena quando chi non rispetta il celibato, e assumendosi la responsabilità delle proprie scelte decide di lasciare il sacerdozio,  si sente dire : “ma perchè ti ostini in questa decisione così drastica, quando potresti comunque essere un bravo sacerdote, quale sei, continuando a nascondere che hai una o più relazioni con donne?”

Neanche viene presa in considerazione la sofferenza di non sentirsi al proprio posto su un altare in cui si celebra il mistero della vita e dell’amore e che talvolta è abitato da uomini che di questi aspetti emotivamente parlando sanno davvero poco o che addirittura sono colpevoli di reati. Mi riferisco ovviamente al fenomeno della pedofilia.

Le ho viste le lacrime di chi, nonostante ciò, deve celebrare!

Ripeto, sto parlando come soggetto ben informato dei fatti, come amante prima ed ora finalmente compagna di un ex sacerdote, che ha dovuto fare i conti con quanto finora descritto.

Un uomo, che per anni si è sentito dire dalla sottoscritta: “scendi dal piedistallo che la Chiesa ti ha eretto e sii uomo, impara ad amare non sentendoti tu il centro del mondo. Se cerchi con me una relazione, che questa sia tale e non il puro desiderio fisico per compensare qualcosa che ti manca.

Sei un uomo prima di essere un prete, comportati come tale.”

Perché il problema grosso secondo me è proprio questo!

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/09/24/il-celibato-dei-preti-e-una-finzione/2042054/

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.