TwitterFacebookGoogle+

Il dipartimento per la Sicurezza Usa vuole monitorare 290 mila influencer e blogger

Il dipartimento americano per la Sicurezza interna sta cercando un ‘contractor’ per monitorare migliaia di siti di informazione, giornalisti, corrispondenti, blogger e influencer in tutto il mondo. In particolare, il dipartimento vuole tracciare più di 290 mila fonti globali di informazione, online, su carta, sui social media, locali, nazionali e internazionali. All’annuncio pubblicato dal dipartimento hanno dato ovviamente molto risalto i media americani.

Despite what some reporters may suggest, this is nothing more than the standard practice of monitoring current events in the media. Any suggestion otherwise is fit for tin foil hat wearing, black helicopter conspiracy theorists. https://t.co/XGgFFH3Ppl

— Tyler Q. Houlton (@SpoxDHS) 6 aprile 2018

Con una copertura di oltre cento lingue – tra cui arabo, cinese, russo – e traduzione istantanea degli articoli in inglese. Il dipartimento richiede anche che il fornitore crei un database di influencer nei media per poter fare ricerche su testate, giornalisti, blogger, basate sulla località, il genere di notizie seguite, parole chiave, i riferimenti, le pubblicazioni per cui un certo giornalista lavora o ha lavorato, e altri dati rilevanti. A rivelarlo Bloomberg Law, che ha individuato i documenti con il bando di gara. Il dipartimento si aspetta che l’azienda a cui verrà affidato il monitoraggio fornisca un framework basato su app che i membri del personale del DHS possano poi usare per analizzare “articoli online e conversazioni sui social media” e  ricevere avvisi automatici tramite avvisi interni di smartphone, sms, email o Whatsapp. 

Leggi anche sulla Stampa#Russiagate & Trump. E se le cyber-interferenze nelle elezioni Usa fossero made by CIA? È possibile.

Il dipartimento per la Sicurezza interna ha confermato l’esistenza del progetto con un tweet del suo portavoce Tyler Houlton, che però ha gettato acqua sul fuoco. “Malgrado quanto suggerito da alcuni reporter, non è niente di più che una normale procedura per monitorare eventi nei media. Ogni suggerimento che possa essere qualcosa di diverso è roba da complottisti paranoici”.

Yeah, there’s nothing creepy about DHS mapping out the sentiment scores of journalists and bloggers, domestically and globally. https://t.co/rfIUzNmydx

— Molly McKew (@MollyMcKew) 7 aprile 2018

Tuttavia, non sono mancate reazioni preoccupate da parte di chi si occupa di informazione, anche in conseguenza di un clima politico che negli ultimi anni sembra essere divenuto progressivamente sempre più ostile verso i giornalisti o le loro fonti.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.