TwitterFacebookGoogle+

Il dramma delle Rohingya: dopo la fuga rischiano di essere stuprate e fatte schiave

Donne e ragazze rappresentano il 51% degli oltre 655.000 profughi che sono scappate nel Bangladesh. Le ragazze temono i matrimoni precoci.

globalist –
27 gennaio 2018 –

Nell’insediamento di rifugiati di Balukhali, almeno 116 vedove e orfani hanno trovato rifugio in un affollato insediamento di 50 tende rosse dove non sono ammessi uomini o ragazzi di età superiore ai dieci anni.
Donne e ragazze rappresentano circa il 51% degli oltre 655.000 profughi musulmani Rohingya che hanno attraversato il confine dal Myanmar verso il Bangladesh.
Ma anche se sono fuggite dalla guerra e dalle persecuzioni non si può dire siano al sicuro: le donne rischiano di diventare vittime della tratta di esseri umani e fatte diventare schiave. Rischiano anche stupri e abusi sessuali. 
Le le adolescenti tra i 13 ei 20 anni devono affrontare la prospettiva di essere costrette ai matrimoni precoci e forzati.
Non c’è pace.

http://www.globalist.it/world/articolo/2018/01/27/il-dramma-delle-rohingya-dopo-la-fuga-rischiano-di-essere-stuprate-e-fatte-schiave-2018499.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.