TwitterFacebookGoogle+

Il Fatto denuncia “Sergio Mattarella ospite della loggia massonica deviata”

-Redazione– Forse qualcuno ricorderà il circolo “Scontrino”, un centro culturale che negli anni ’80 rappresentava un assoluto tempio massonico.

Bene, forse qualcuno ricorderà quel circolo, ma nessuno fino ad oggi sapeva che tra i nomi dei frequentatori delle iniziative pubbliche dello Scontrino ci fosse anche Sergio Mattarella, l’attuale presidente della Repubblica. Ora, inoltre, la Corte d’Assise di Trapani definisce quel circolo un “paravento di Logge infestate da elementi mafiosi”.

Parole pesantissime, che si possono leggere nell’ambito della sentenza Rostagno, nella quale, dopo 26 anni di indagine, le toghe arrivano alla conclusione che ad uccidere il giornalista Mauro Rostagno, in quel maledetto 26 settembre 1988, fu Cosa Nostra, che per tappargli la bocca gli rubò la vita.

Un caso spinoso, del quale dà conto Il Fatto Quotidiano, che ricostruisce l’intera vicenda.

Si parte da quando la polizia, perquisendo lo Scontrino, scoprì l’esistenza di sei diverse logge. Tra le agende e le rubriche con i numeri di telefono dei politici nazionali e locali, come detto, ecco comparire anche quello di Mattarella, che all’epoca era deputato della Dc.

Quei nomi si trovano ora nelle motivazioni della sentenza con cui la Corte d’Assise, il 16 maggio 2004, ha condannato il boss Vincenzo Virga e il killer Vito Mazzara, poiché rispettivamente mandante ed esecutore dell’omicidio del giornalista.

Nell’elenco compaiono anche i nomi di Calogero Mannino e di Carlo Vizzini. Per inciso, poco prima di essere ucciso, Rostagno indagava sulle logge. Secondo la Corte, il suo assassinio avvenuto par mano mafiosa, è maturato nell’ambito di “trame collusive delle cosche con altri ambienti di potere” trapanese.

Il Quirinale smentisce.

http://www.articolotre.com/2015/07/il-fatto-denuncia-sergio-mattarella-ospite-della-loggia-massonica-deviata/

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.